Samuel Stern: i nuovi casi del detective occulto in edicola con Bugs Comics

Scorpiamo nel dettaglio i nuovi casi in cui è rimasto invischiato Samuel Stern, il personaggio da edicola targato Bugs Comics.

speciale Samuel Stern: i nuovi casi del detective occulto in edicola con Bugs Comics
Articolo a cura di

Samuel Stern, la nuova serie da edicola creata da Gianmarco Fumasoli e Massimiliano Filadoro, è recentemente arrivata al quinto episodio.
L'opera, dal forte taglio orrorifico, nel corso degli albi precedenti ha iniziato a delineare anche una trama orizzontale, fornendoci numero dopo numero alcuni dettagli sul particolare mondo in cui si muove il protagonista, in cui sono presenti numerose entità sovrannaturali.
Anche questo mese siamo quindi pronti ad analizzare gli ultimi due capitoli usciti in edicola, al cui timone ritroviamo ai testi gli autori dei precedenti albi supportati dai disegni di Ludovica Ceregatti e Luca Colandrea.

Un posto tranquillo

Il quarto albo dell'opera ci trasporta all'interno di un nuovo caso dalla forte valenza sovrannaturale, in cui vediamo il protagonista Samuel Stern - affiancato dal suo fido alleato padre Duncan - indagare su alcuni strani avvenimenti che sembrano aver colpito l'isola di Muck. Il prete Joseph è infatti preoccupato per il suo amico Neil Porter, anch'esso uomo di chiesa firmatario di una lettera dai risvolti inquietanti. Il protagonista parte quindi alla volta dell'isola (letteralmente tagliata fuori dal mondo) per tentare di scoprire nel dettaglio i segreti in essa celati. Ancora una volta, l'ombra relativa al pericolo delle possessioni demoniache torna fortemente a intrecciarsi con il tessuto narrativo del racconto, che si sviluppa in modo tutto sommato classico. Il ritmo delle vicende può considerarsi buono, grazie all'attitudine degli autori nel giocare con la suspense cercando il più possibile di puntare su una tensione sempre crescente.

Nonostante le molte sequenze di dialogo, l'albo riesce a intrattenere in maniera efficace grazie alla comparsa di alcuni fattori convincenti - tra cui personaggi o semplici concetti - in grado di spezzare l'aura di prevedibilità riguardante l'incedere narrativo. Seppur infatti Samuel sia portato a seguire l'indagine in un modo abbastanza classico e per certi versi prevedibile, la componente sovrannaturale diviene via via sempre più marcata, fornendo anche al lettore numerosi spunti interessanti riguardo l'intero mondo in cui si muove il protagonista.

Quest'albo, soprattutto durante la parte finale, riesce a donare nuovi elementi a livello di trama, confermando in realtà quanto visto in precedenza.
La serie, strutturata attraverso fumetti autoconclusivi in cui c'è sempre un nuovo caso da risolvere, si impegna però a disseminare in maniera intelligente vari particolari in grado di fornire al lettore tutti gli elementi necessari per orientarsi nello stratificato mondo creato dagli autori. I casi di possessione demoniaca assumono così una valenza più ampia, andando a inserirsi in un contesto a tratti epico e solenne, sempre più lontano in realtà da una concezione puramente investigativa ma, anzi, spesso motori propulsivi di macrotrame che vedremo svilupparsi pienamente solo in seguito, come testimoniato anche dagli eventi del quinto albo.

Dal punto di vista della caratterizzazione dei personaggi, tornano tutti gli elementi principali visti in passato; Samuel si dimostra un protagonista dotato di grande empatia, votato pienamente al bene nonostante i suoi metodi talvolta rudi e schietti. Nel quarto numero è stata poi data grande importanza a padre Duncan, protagonista di uno dei momenti maggiormente impattanti dell'intero albo, a testimonianza di quanto il personaggio sia realmente importante all'interno della serie, scongiurando (almeno per il momento) il pericolo di vederlo comparire solo in sequenze riempitive.

Il quinto albo è invece riuscito a presentare ai lettori un buon villain (così da sopperire a una delle lievi mancanze degli albi precedenti). Anche in vista di una futura continuity non sarebbe male auspicarsi il ritorno a sorpresa di alcuni dei nemici visti in passato, così da incentivare ancora di più l'idea di trovarsi di fronte a una trama orizzontale parecchio stratificata, dotata per certi versi di una propria mitologia interna.

Prega (o viviseziona) che ti passa

Le storie esaminate, in maniera analoga ad alcune delle puntate precedenti, decidono di focalizzarsi anche sul concetto di fede e su come viene avvertita dalla collettività.
Da quanto visto finora, fortunatamente, gli autori non hanno cercato di puntare su elementi come la retorica o il vittimismo, cercando invece di fornire al lettore numerosi elementi specifici in grado di mostrare due facce diverse della Chiesa e del modo in cui ognuno di noi si approccia alla tematica del divino. Seppur nel corso dei numeri usciti in precedenza si sia cercato di puntare spesso su minacce generiche, con il quinto volume si è deciso di andare in un'altra direzione, cercando di focalizzarsi su un villain specifico in modo da rendere l'intero intreccio narrativo - soprattutto in un'ottica generale - ancora più vario.

Di grande impatto anche entrambi i finali dei due numeri analizzati che, seppur forse sviluppati in maniera leggermente sbrigativa, sono riusciti ad ampliare abilmente il conflitto interiore vissuto da Samuel riguardo le sue scelte di vita così da rendere il personaggio sempre più stratificato e complesso a livello caratteriale.

Il comparto tecnico, di pregevole fattura, risulta funzionale al tipo di storia raccontata, capace sia di valorizzare le figure umane (anche grazie a una buona rappresentazione riguardante l'espressività dei personaggi) quanto le figure mostruose.

Samuel Stern Questa quarta avventura con protagonista Samuel Stern va quindi a inserirsi nel trend positivo visto in precedenza. Seppur non particolarmente innovativa, l'opera riesce a intrattenere in maniera efficace attraverso una storia investigativa/paranormale dalla progressione narrativa classica e soddisfacente. Di grande impatto il finale, che forse però avrebbe necessitato di qualche pagina in più per fare maggiormente presa sui lettori.