L'Attacco dei Giganti 125: la confessione di Armin spezza il cuore dei lettori

L'Attacco dei Giganti 125: la confessione di Armin spezza il cuore dei lettori
di

Armin Arlert è uno dei primi personaggi introdotti in L'Attacco dei Giganti da Hajime Isayama. All'apparenza debole, il ragazzo ha però sempre composto un terzetto con Eren e Mikasa mettendoci il suo cervello. Non a caso è stato uno degli strateghi più importanti della Legione Esplorativa e si deve a lui la vittoria contro il Gigante Colossale.

Proprio in quel momento però, L'Attacco dei Giganti fece intendere che Armin sarebbe morto. Ciò non successe per la caparbietà di Eren e Mikasa che praticamente costrinsero Levi a dare il siero al loro amico e non al comandante Erwin. Questa scelta tra i due provocò la morte di Erwin, evento che Armin si è sempre portato sulle spalle.

Anni dopo, col capitolo 125 di L'Attacco dei Giganti, il ragazzo dà finalmente sfogo a questo peso psicologico. Durante una discussione con Mikasa, capisce di non poter fare nulla perché ormai la catena di comando è stata spezzata e l'esercito eldiano è allo sbando a causa della divisione tra le varie fazioni. Lui non può quindi fare altro se non dirigersi verso Connie, ammettendo a malincuore il sentimento che gli attanaglia il cuore.

Secondo lui, la scelta fatta dal capitano Levi era sbagliata: era Armin a dover morire, lasciando il siero e il potere di Gigante Colossale a Erwin Smith. Dopo questa confessione, Armin e Mikasa si separano con il primo che si dirige da Gabi per preparasi a raggiungere il villaggio di Ragako, dove Connie sta portando Falco. Nel frattempo, Levi si è scoperto essere ancora vivo.

FONTE: ComicBook
Quanto è interessante?
2