L'Attacco dei Giganti 133 rivela l'esistenza di un potere ormai perduto nel tempo

L'Attacco dei Giganti 133 rivela l'esistenza di un potere ormai perduto nel tempo
di

L'Attacco dei Giganti 133 si è concentrato su Eren, su Mikasa e Armin, su tanti dei protagonisti di queste ultime battute della storia. Ma sono emersi anche dettagli su un potere che sembrava essere stato dimenticato da tutti.

Falco Grice è il nuovo possessore del Gigante Mascella che ha usato per la prima volta in L'Attacco dei Giganti 129. Rispetto alle manifestazioni di Ymir e di Galliard, questo potere ha assunto sembianze completamente diverse. Rimane una mascella più pronunciata e particolare, ma il resto del corpo da gigante di Falco appariva visibilmente diverso e con una forma molto più animalesca, simile a quella di un grosso uccello.

La verità è stata svelata in L'Attacco dei Giganti 133. Sulla nave che si sta dirigendo verso Hizuru, Annie viene fermata da Falco e Gabi. Il ragazzo sta avendo dei sogni e la causa di tutto questo è il fluido spinale di Zeke. Avendo ingurgitato parte di quel liquido, Falco possiede ora in parte anche i poteri del Gigante Bestia e per questo il suo Mascella ha ottenuto sembianze più animalesche.

Non è tutto però perché, come rivela ad Annie, un tempo il Gigante Bestia possedeva non una forma scimmiesca bensì una più simile a quella di un uccello. Era pertanto in grado di volare nel cielo e, per questo, Falco è convinto di poter far spuntare le ali al suo gigante. Ora deve soltanto convincere Annie a tentare questa via oppure a farle divorare parte del suo corpo per dare al Gigante Femmina la possibilità di sfruttare questo potere.

FONTE: ComicBook
Quanto è interessante?
1