L'Attacco dei Giganti capitolo 120: sviluppi imprevisti e un capovolgimento di fronte

L'Attacco dei Giganti capitolo 120: sviluppi imprevisti e un capovolgimento di fronte
di

L'evento accaduto a Eren Jaeger ha lasciato tutti sconvolti nel finale di L'attacco dei Giganti 119. E tutti si sono chiesti, nel corso dello scorso mese, cosa avesse in serbo Isayama per il protagonista. In una situazione del genere l'unica possibilità era che Eren si sottoponesse a un processo simile a quello di Zeke qualche capitolo fa.

Ma Isayama ha deciso di rimandare questa domanda per ora. Infatti, il capitolo 120 di L'attacco dei Giganti si muove su binari completamente diversi e, soprattutto, in un luogo ancora inedito. Oltrepassando la copertina di Bessatsu Shonen Magazine che fa da apertura alla storia di questo mese, il mangaka ha deciso di aprire con alcuni flashback che ci mostrano il primo incontro a Marley di Zeke ed Eren, passando poi per frammenti che mostrano l'andamento della battaglia fino al punto in cui Zeke, piangente e distrutto, prende al volo la testa di Eren.

Dalla pagina successiva però cambia tutto, ed Eren è in piedi in un luogo desolato davanti a una sorta di fascio di luce che poi si dirama in cielo. Alle sue spalle c'è un Zeke invecchiato e incatenato al suolo che spiega la natura del luogo e come hanno fatto ad arrivare lì. In quegli attimi arriva anche la progenitrice Ymir, la bambina che poco tempo prima aveva curato proprio il portatore del Gigante Bestia.

Zeke chiede ad Eren di attivare il potere e attuare il piano che avevano concordato, ma il protagonista rifiuta fermamente. Ma, mentre cerca di richiamare Ymir per usare le sue capacità, questa si dirige verso Zeke, con quest'ultimo che rivela come la progenitrice sia solo un fantoccio che si piega al potere di coloro col sangue reale. Poiché Zeke non ha mai avuto il Gigante Originale, non è legato al patto di non belligeranza e può romperlo quando vuole.

Proclamato ciò, distrugge le sue catene e invece lega Eren, affermando che gli farà vedere la natura del loro padre finché il ragazzo non capirà come sia stato ingannato e di come il piano dell'eutanasia sia il migliore. Il duo entra quindi nei ricordi del padre, ma ciò scatena effetti imprevisti per Zeke: infatti Grisha Jaeger non è l'uomo spietato e calcolatore disposto a sacrificare la sua famiglia come Zeke credeva, ma era profondamente legato a Eren, alla nuova moglie Carla e anche alla sua vecchia famiglia, rimandando più e più volte il momento in cui avrebbe dovuto uccidere la famiglia reale.

A quel punto Eren prende le redini dell'ondata di memorie, dicendo a Zeke che deve vedere il ricordo successivo. L'attacco dei Giganti tornerà col capitolo 121 a settembre e con cui festeggerà anche 10 anni di serializzazione.

Quanto è interessante?
2