L'attacco dei Giganti stagione 3: la vendetta di un personaggio provoca una morte orribile

L'attacco dei Giganti stagione 3: la vendetta di un personaggio provoca una morte orribile
di

Lo scorso episodio di L'attacco dei Giganti stagione 3 è stato fondamentale per capire le vicende dietro tutto il mondo dell'anime. Finalmente gli spettatori hanno potuto osservare la realtà che si cela oltre le mura e il motivo per cui parte dell'umanità è stata costretta a vivere all'interno di quella prigione alta cinquanta metri.

L'episodio 20 di L'attacco dei Giganti ha raccontato il mondo della serie tramite gli occhi di Grisha Jaeger a partire da uno degli eventi più traumatici della sua vita: la fuga dal distretto eldiano per guardare il dirigibile che ha portato alla morte della sorellina Faye. Quest'ultimo evento ha scatenato un forte desiderio di rivalsa in Grisha che, per tutto il resto della sua vita, è stato guidato da una forma di vendetta verso quei soldati che causarono il massacro della ragazzina.

Il risultato finale di questa vendetta però è arrivato dopo anni e anni di attesa e addirittura in modi tutt'altro che diretti. Infatti, dopo essere stato tradito da suo figlio Zeke, Grisha è stato portato sulle mura perimetrali di Paradiso per essere trasformato in gigante, e lì ha incontrato il carnefice della sorella. La vendetta di Grisha si è compiuta quando Kruger, il vero Gufo, spinge il sergente Gross giù dalle mura e finisce per farlo divorare da un gigante.

Come rivelerà poi Grisha, se avesse saputo a cosa avrebbe portato la sua scelta di uscire dal ghetto e dalla ribellione portata avanti, non avrebbe mai intrapreso quella strada non avendo ottenuto niente dalla sua vendetta. L'attacco dei Giganti tornerà con il penultimo episodio il prossimo lunedì su VVVVid.

FONTE: ComicBook
Quanto è interessante?
3