Attack on Titan, come potrebbe continuare la storia dopo il finale

Attack on Titan, come potrebbe continuare la storia dopo il finale
di

Sono passati tanti anni da quando gli spettatori assaporarono la disperazione con quella creatura fumante che si ergeva sopra mura altissime. Sono passati diversi anni da quando iniziò a suonare Guren no Yumiya, prima opening dell'anime che poi divenne immediatamente virale. Sono passati tanti anni dall'inizio de L'Attacco dei Giganti.

Una serie che è stata, in pochi anni, in grado di affacciarsi nel mondo dei manga e a diventarne uno dei pilastri, raccontando una storia unica che mescola lo shonen a tanti contenuti oscuri, thriller e anche a fantapolitica nelle sue ultime fasi. Tuttavia, la serie è finita e il finale di Attack on Titan sembra aver chiuso un cerchio. O forse no. Infatti, un bambino con un cane si avventura tra le rovine della città di Shiganshina, distrutta dopo secoli da un conflitto. E davanti a lui c'è l'albero dove è stato sepolto Eren, cresciuto a dismisura e che ricorda l'albero dove la schiava Ymir cadde per poi unirsi con quella misteriosa creatura. Se Attack on Titan continuasse con un sequel, come sarebbe?

Il bambino con il cane, al contrario di Ymir, non sembra scappare dalla schiavitù, dalla violenza, dalla disperazione e dalla crudeltà. Non si sa niente della sua vita, ma è arrivato liberamente in quel luogo, appagando la sua voglia di esplorazione e avventura. Se esistesse davvero la stessa creatura che ha donato il potere dei giganti a Ymir migliaia di anni prima, non è detto che tutto proceda nella stessa maniera.

Il potere dei giganti potrebbe tornare, ma dovrebbe affrontare un mondo diverso, un mondo dove forse la tecnologia sarebbe in grado di fermare queste creature dotate di poteri unici in un batter d'occhio. Il ciclo d'odio non si è arrestato, ma probabilmente non avrebbe modo di ripetersi in questo modo. E chissà che non ci sia spazio per un Attack on Titan supereroistico, con il bambino che non trasmetterà i suoi poteri a eventuali figli o eredi.

In sostanza, un sequel di Attack on Titan avrebbe senso soltanto se la civiltà umana, nel finale, è regredita di secoli, tornando a uno stato simil medioevale.