I bambini che inseguono le stelle: svelata la data d'uscita dell'edizione home video

I bambini che inseguono le stelle: svelata la data d'uscita dell'edizione home video
di

Dynit ha annunciato la data d'uscita dell'edizione home video del film di Makoto Shinkai, I bambini che inseguono le stelle, che vedrà una novità anche per quanto riguarda il doppiaggio. Recentemente un altro suo film è giunto al cinema, e la popolarità di cui gode il regista anche in occidente è ormai smisurata.

Proprio per questo motivo, anche le vecchie produzioni del cineasta vengono rielaborate in una nuova edizione, per valorizzarne la validità e proporle ad un pubblico sempre più ampio, che non ha mai avuto occasione di approcciarsi alle opere seminali del regista. Dynit ci viene quindi in aiuto, mettendo sul mercato la pellicola I bambini che inseguono le stelle, che sarà commercializzato in edizione DVD e Blu Ray, con al suo interno una cartolina esclusiva e un booklet da 70 pagine, composto da diverse illustrazioni del film.

Ci sono novità anche sul fronte doppiaggio, che per questa riedizione sarà completamente nuovo. Quindi, oltre ad apprezzare la pellicola in un formato più fresco, potremo godere delle nuove performance vocali svolte sul lungometraggio.

La storia segue le vicende di Asuna, una ragazzina che ha perso il padre da piccola e la cui madre infermiera è spesso assente per via dei turni all'ospedale. Quando si ritrova nel tempo libero, si reca in un luogo segreto sulle montagne per ascoltare i programmi da quella che sembra una vecchia radio a galena che il padre le aveva regalato prima di morire. Un giorno la radio capta uno strano suono musciale: Asuna ne rimane affascinata, ma per quanto nei giorni successivi ritenti di sintonizzarsi su quella misteriosa stazione, l'evento non si ripete più. Questo però è soltanto il preludio di incredibili avvenimenti.

Makoto Shinkai tornerà quest'anno con un nuovo film, di cui potete già apprezzare il trailer.

Quanto è interessante?
2

Altri contenuti per I Bambini che inseguono le stelle