Batman: Tom King non aveva intenzione di uccidere "quel personaggio"

Batman: Tom King non aveva intenzione di uccidere 'quel personaggio'
INFORMAZIONI SCHEDA
di

L'ultimo arco narrativo della testata principale di Batman, "City of Bane", è stato caratterizzato da un susseguirsi di colpi di scena, ma il più eclatante riguarda sicuramente il personaggio di Alfred. Tom King, infatti, ha deciso di porre fine alla vita del maggiordomo, scatenando un riscontro decisamente contrastante da parte della fanbase.

Tuttavia, l'intenzione dell'autore in partenza, non era assolutamente volta all'eliminazione di un personaggio tanto iconico. King ha espresso il suo pensiero in merito alla questione, individuando nella "sollecitazione" dell'editore il motivo di una tale scelta:

"Ho avuto l'opposto di una resistenza, mi sono spinto in avanti. Avevo questo idea su un possibile colpo di scena in cui, alla fine, Alfred sarebbe dovuto morire. Così l'ho inserito nella sceneggiatura, e ovviamente, successivamente scopriremo che non è davvero defunto.

La DC mi diceva, 'Perché non è lui? Perché non è davvero morto' e io ribattevo, 'Beh, perché lui è Alfred e deve vivere per sempre, perché un personaggio fantastico. La loro risposta, 'No, no, no, no, è morto'".

In secondo luogo, aggiunge:

"Non è che volessi far morire Alfred! Adoro quel personaggio. Secondo me è un momento per mostrare, alla fine di una lunga storia, la maturità di Bruce.

Bruce è ovviamente definito dalla morte dei suoi genitori e dalla sua reazione a quell'evento, e da come ciò lo ha spinto a diventare Batman, tentando questa cosa assolutamente folle, in cui si veste di pelle e dà calci e pugni alla gente ogni giorno. Ma è una cosa assolutamente irrazionale che ha salvato il mondo. Quindi, qui ha la morte del suo vero genitore, Alfred, e la sua reazione non è la stessa. Questo è ciò che mi ha interessato al riguardo. Per me, ha dimostrato quanto Alfred lo avesse allevato".

Infine, ha concluso dicendo:

"Quando era solo un ragazzino, rimase segnato e immobilizzato in quella condizione. Quindi Alfed è stato colui che lo ha portato dall'essere solo un bambino all'essere un uomo capace, quando arriva una morte come la sua, di gestirla, e sono triste a dirlo, come ognuno di noi gestisce un evento simile. Sono abbastanza grande ora che ho perso delle persone a me care. E' la cosa peggiore che può succederti e non la superi mai, la piangi per sempre. Ma diventa anche parte di te, e il tuo lutto è una sorta di epifania perché ti connette ancora con quella persona. C'è una maturità in tutto ciò".


Il nuovo numero di Batman ha confermato la morte di uno storico villain. Inoltre, nelle ultime pubblicazioni Batman ha sfoggiato un veicolo nuovo di zecca.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
1