Berserk: 7 questioni a cui il ritorno del manga dovrà rispondere

Berserk: 7 questioni a cui il ritorno del manga dovrà rispondere
di

Riprendere in mano una serie come Berserk può rappresentare una vera e propria sfida. Tuttavia la redazione di Young Animal e Kouji Mori, caro amico del compianto Miura, hanno intenzione di rispettare e rimanere fedeli a quanto fatto e previsto dal maestro. Prima della fine della storia però alcune questioni devono essere risolte, vediamo quali.

Molti sono le situazioni e i misteri rimasti irrisolti nella tragica avventura di Gatsu, per questo motivo ci auguriamo che la squadra che sarà responsabile della ripresa del manga si occuperà anche di risolverle. Essenzialmente vi sono sette punti che dovrebbero essere approfonditi e affrontati prima dell’epica conclusione.

Il primo riguarda il passato del Cavaliere del Teschio, uno dei personaggi più misteriosi e potenti dell’immaginario di Berserk. Alcuni dettagli emersi negli ultimi capitoli sembrano suggerire che il cavaliere abbia diversi elementi in comune con Gatsu, come l’essere perseguitato dalla Mano di Dio e l’aver perso l’amore della sua vita, e questo merita sicuramente una parentesi dedicata alla sua vita passata.

Il secondo mistero che va approfondito invece riguarda proprio la Mano di Dio, la storia degli altri membri che hanno accolto Phemto tra le loro fila. Erano tutti umani in origine? Quali sacrifici hanno dovuto compiere per ascendere e trasformarsi in esseri così potenti? Sarebbe interessante conoscerli più a fondo. La terza questione è di tipo sentimentale, e riguarda la possibilità di rivedere insieme Gatsu e Caska, rimasta profondamente segnata e stravolta dopo l’Eclissi.

E qui interviene il Moonlight Boy, il figlio mai nato di Gatsu e Caska e ora in possesso del corpo in cui Grifis si era reincarnato. Ma come può esistere il Moonlight Boy? Sarà lui la chiave per riavvicinare il protagonista alla sua amata per giungere ad un possibile lieto fine? Domande che potrebbero renderlo uno dei personaggi fondamentali nella parte finale.

Poi troviamo un altro dettaglio: i demoni possono essere sconfitti in maniera definitiva? I demoni, così come la Mano di Dio e gli Apostoli appaiono talmente potenti da rappresentare una minaccia indistruttibile per gli essere umani. Ci chiediamo quindi se vedremo mai la morte di qualche loro esponente, o se l’umanità è destinata a convivere con tali orrori per il resto dell’esistenza.

Prima di arrivare all’ultima questione, viene naturale pensare se ci sarà il tanto atteso confronto tra Gatsu e Grifis. Uno scontro finale dove il protagonista potrà consumare la propria vendetta nei confronti dell’ex capitano della Squadra dei Falchi affrontandolo all’ultimo sangue.

Infine, la domanda cruciale, che appare anche un po’ banale, è se Gatsu potrà finalmente trovare la pace, la serenità e vivere il resto della sua vita passando giorni tranquilli al fianco di Caska. Attualmente appare difficile concepire un finale positivo, ma già dall’ultimo capitolo firmato dal maestro Miura sembra esserci una rinnovata speranza su un futuro luminoso e felice per Gatsu.

Siete d’accordo con quanto scritto? Avete altre questione che vorreste vedere risolte prima del finale di Berserk? Ditecelo nei commenti. Per concludere vi lasciamo ai preziosi insegnamenti di Kentaro Miura.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
4