Le Bizzarre avventure di Jojo e la differenza degli Stand: Passato Vs Presente

Le Bizzarre avventure di Jojo e la differenza degli Stand: Passato Vs Presente
di

Dall'Hamon agli Stand: cosa ha causato il cambiamento nei poteri del manga scritto e disegnato da Hirohiko Araki? Vediamolo in un veloce sguardo retrospettivo alla serie.

Mancano pochi episodi alla fine della quinta stagione di Le Bizzarre Avventure di Jojo : Vento Aureo, e per questo potrebbe essere interessante vedere l’evoluzione che ha caratterizzato questo brand storico nell’ambito dei fumetti giapponesi.

Creata originariamente da Hirohiko Araki, la serie comincia con una storia intitolata Phantom Blood, che narrava di Jonathan Joestar e un personaggio intraprendente quanto maligna e senza cuore: Dio Brando, che si confermerà poi essere la nemesi della famiglia Joestar, con la sua volontà di distruggerla e di attingere al potere nel miglior modo possibile: diventando un vampiro.

Le prime due stagioni della serie, quindi Phantom Blood e Battle Tendency, sono profondamente diverse rispetto alle successive, partendo principalmente dalla terza: Stardust Crusaders. Va detto che ogni stagione si focalizza su una generazione differente della famiglia Joestar, le prime due, rispettivamente, su Jonathan e Joseph, due cacciatori di vampiri che sono ricorsi al potere dell’Hamon, un’energia basata sulla respirazione controllata e in grado di produrre gli stessi effetti dell’energia solare, in grado quindi di distruggere i vampiri.

Tuttavia a partire dalla terza stagione vennero introdotti gli Stand. In un’intervista rilasciata da Araki ad AnimeLand nel 2003, l’autore ha ammesso che: “L’idea per l’Hamon (in inglese Ripple) era quella di una forza indiretta, una forza che colpisce a distanza, come nell’acqua, ad esempio: se colpisco la superficie di uno specchio d’acqua, indirettamente ho influenza sui punti vicini grazie all’ondulazione residua (residual ripple). D’altra parte, lo Stand è qualcosa che un occidentale potrebbe avere difficoltà a comprendere. Trova le sue origini nello Shintoismo: l’essenza spirituale dei nostri antenati che ci proteggono, in effetti ciascuno di noi è continuamente protetto. Pur non essendo shintoista, conosco bene la cultura e la filosofia giapponese sin dalla nascita, e per questo ne sono influenzato durante il mio lavoro creativo.”

Con il continuo della serie, dopo le prime due stagioni Haraki ha sentito il bisogno di dimostrate le abilità fisiche sia degli eroi che degli antagonisti. Con vampiri e Hamon, la serie stava limitando in qualche modo le sfumature di “pazzia” che poteva presentare. Mentre Dio, Cars e i Pillar Men sicuramente adempiono al loro ruolo di fantastici nemici, avreste delle difficoltà a trovare qualcosa di così elaborato ed ingegnoso come i poteri e la rappresentazione degli Stand apparsi nell’ultima stagione.

Attualmente, grazie a Stardust Crusaders e alle stagioni seguenti, il potere di un eroe o di un villain assume delle forme fisiche attraverso la manifestazione delle proprie figure latenti ed eteree. Un Hamon o abilità vampirica non possono confrontarsi con i poteri incredibili degli Stand, come quello di poter manipolare il tempo di King Crimson. E così la serie delle Bizzare Avventure di Jojo è cambiata seguendo l’evoluzione creativa di Araki e facendo degli Stand il nucleo ai fini dei combattimenti.

Ricordiamo che la serie di Vento Aureo non è ancora disponibile in Italiano ma può essere seguita su VVVVID grazie al servizio di Simulcast con sottotitoli.

Quanto è interessante?
2