Black Clover 336, per la pace nel mondo magico: l'obiettivo in comune di due grandi nemici

Black Clover 336, per la pace nel mondo magico: l'obiettivo in comune di due grandi nemici
di

Prima di andare via e sparire nel nulla assieme a Sorella Lily e Asta, Lucius Zogratis ha lanciato il suo monito. In Black Clover 335 il Salvatore del Mondo proclama il giorno del giudizio, che si verificherà sette giorni dopo quel primo attacco. Riuscirà Clover a reagire alla scoperta più scioccante di sempre?

Il capitolo 336 di Black Clover riprende attimi dopo l’ascesa dell’ultimo degli Zogratis, il quale risiedeva nell’ombra nell’animo dell’Imperatore Magico Julius Novachrono. Noelle, Mimosa e Nero, le quali hanno assistito all’invasione del nemico sin dall’inizio, riferiscono quanto accaduto ai Capitani di Clover, che non possono fare altro che prendere atto della presunta morte di Asta e della battaglia che sta per verificarsi. Un evento infausto si abbatte in Black Clover 336, distruggendo il Capitano Yami Sukehiro nel profondo.

Alla riunione è presente anche un personaggio che in questa prima fase della saga finale di Black Clover non avevamo ancora ritrovato, Yuno. Finora, l’erede al trono del Regno di Spade stava indagando sull’attività demoniaca e, sconfiggendo un gran numero di demoni di alto rango, ha scoperto la verità su Adrammelech. Ora che Asta non c’è più, dopo una serie di ricordi struggenti Yuno promette che sarà lui a occuparsi della questione.

Nello stesso momento, Lucius, al cui fianco vediamo Sorella Lily, Damnatio e due figure ancora non riconoscibili, viene avvicinato da Adrammelech, il quale gli riferisce di un umano che in un solo anno è diventato fortissimo. Il demone parla ovviamente di Yuno, il ragazzo del destino che possiede ben due grimori. In un doppio panel finale, Yuno e Lucius condividono il loro obiettivo in comune: sconfiggersi a vicenda.

Quanto è interessante?
1