Black Clover, il regista rivela: "l'anime doveva avere 4 stagioni"

Black Clover, il regista rivela: 'l'anime doveva avere 4 stagioni'
di

Black Clover è uno dei titoli più importanti dell'attuale panorama di Weekly Shonen Jump, non tanto perché il manga sta riscuotendo grandi numeri in termini di vendite, ma anche e soprattutto per via di un ottimo adattamento televisivo frutto di una grande direzione a cura del regista Tetsuya Yoshihara.

Quella che è a conti fatti la prima stagione dell'anime terminerà a breve, ovvero il prossimo 30 marzo. Lo staff ha promesso un evento speciale in occasione di quella data che potrebbe portare con sé l'annuncio di una nuova produzione come un lungometraggio originale. Il regista di Black Clover, Yoshihara, si è concesso ad un'intervista in occasione dell'uscita del primo cofanetto home video per raccontare com'è iniziata la serie televisiva:

"All'inizio mi chiesero di consegnare semplicemente alcuni sample di presentazione. La verità è che sono un grande fan dei manga shonen e per questo ero molto interessato a dirigere una storia ricca d'azione in cui i personaggi combattevano attraverso l'uso della magia. Insieme al mio team abbiamo scelto i momenti più rappresentativi dei primi tre volumi per creare le varie scene. Itsuko Takeda entrò a far parte del progetto come character designer e, insieme, ottenemmo quello che ritengo essere un buon risultato. Avevamo dipendenti che lavoravano ad un anime per la prima volta, ma avevamo ricevuto un ottimo feedback dall'autore, Yuki Tabata, così [i producer] decisero di farne una serie animata dove a me fu affidata la direzione."

Dopodiché il regista aggiunge:

"Dopo una riunione con la persona in carica della sceneggiatura, Kazuyuki Fudeyasu, abbiamo deciso di poter dividere la serie in 4 stagioni. Da quel momento gli ho chiesto di pensare ad un modo per avere una linea di episodi bilanciata ma attraente, quel tanto che bastava per far sì che gli spettatori sentissero la necessità di vedere la prossima puntata subito dopo aver concluso quella precedente."

Con 4 stagioni, probabilmente, il regista intendeva una produzione di circa 48 puntate, dunque con 12 episodi a stagione. In realtà, il grande successo dell'anime ha fatto sì che la trasposizione godesse invece del triplo degli episodi previsti. E voi, invece, cosa ne pensate delle sue parole? Fatecelo sapere con un commento qua sotto.

Quanto è interessante?
0