Bleach: Tite Kubo non ha mai apprezzato, in parte, la trasposizione anime

di
Anche se è passato, ormai, un bel po' di tempo, tutti i fan di Bleach rimpiangono ancora la brusca interruzione dell'anime prima che la trasposizione potesse narrare gli eventi dell'ultimo arco narrativo del manga. Proprio l'autore del fumetto, Tite Kubo, ha recentemente svelato qualche piccolo retroscena.

Tite Kubo (che, per motivi di salute, è stato costretto a marinare il Lucca Comics & Games 2017, di cui avrebbe dovuto essere ospite) è infatti stato intervistato ai microfoni di TBS Radio in Giappone a proposito della sua carriera. Il mangaka ha anche parlato del suo rapporto con la trasposizione anime di Bleach (senza dubbio la sua opera fumettistica più importante), che a quanto pare non è mai stato particolarmente roseo.

Kubo, infatti, accolse con grande piacere la notizia che Studio Pierrot avrebbe adattato Bleach in forma di serie televisiva animata, chiedendosi anche perché l'accordo ci avesse messo così tanto tempo ad arrivare: solitamente, infatti, i manga targati Jump richiedono un periodo di al massimo un paio di anni per ricevere il proprio anime.

Il mangaka, in seguito, non fu per nulla felice quando si rese conto dei cambiamenti che lo studio aveva apportato alla prima parte della sua storia, al punto che - riferiscono i traduttori dell'intervista - gli è venuto il mal di stomaco. Il sensei ha quindi chiesto che gli script modificati fossero sottoposti alla sua supervisione, in modo da correggerne diversi elementi che non gli andavano a genio e che non riflettevano il suo lavoro svolto nella sceneggiatura del fumetto.

A quanto pare, insomma, il rapporto tra l'autore di Bleach e Studio Pierrot non è mai stato particolarmente roseo: voi avreste voluto che l'anime continuasse anche con l'ultima saga del manga?