Boruto 208: l'orripilante verità dietro il Sigillo Karma del protagonista

Boruto 208: l'orripilante verità dietro il Sigillo Karma del protagonista
di

Nell'ultima manciata di settimane l'anime di Boruto: Naruto Next Generations è stato un continuo crescendo. Dapprima i fan hanno assistito allo scontro tra Naruto, Sasuke e Jigen, e poi al combattimento tra il neo Team 7 e Boro. Proprio durante questo combattimento è emerso il vero significato del Sigillo Karma del protagonista.

Dopo essere stato trafitto dal Chidori di Sarada l'Interno dei Kara ha dato fondo a tutta la sua follia. Perdendo il controllo, l'antagonista si è infatti trasformato in un mostro colossale, simile a una piovra, in grado di fare a pezzi qualunque cosa con i suoi pugni giganteschi.

Vittima dei suoi attacchi è in particolare Boruto, che viene schiacciato e colpito ripetutamente. Sul punto di morire, però, il figlio del Settimo Hokage è improvvisamente scomparso, per ritrovarsi sospeso in aria al di sopra di Boro. Boruto, però, non è in lui: è circondato da una strana aura azzurra e un corno si è palesato sul suo volto.

Ad aver causato ciò è il Karma, misterioso sigillo che gli venne impresso da Momoshiki Otsutsuki. Come aveva promesso, l'essere celeste è tornato. A quanto pare, Momoshiki si era nascosto nel Karma nel tentativo d'impossessarsi del corpo del giovane ninja.

Il Karma contraddistingue l'individuo prescelto, in questo caso Boruto, per essere un "recipiente" in grado di ospitare la coscienza e l'essenza di un Otsutsuki. Sia il protagonista che Kawaki sono in grave pericolo: se non dovessero riuscire a liberarsi del marchio in tempo, in breve tempo diverrebbero i corpi di Jigen e Momoshiki.

Nel frattempo, ecco il gigantesco Rasengan di Borushiki. Riviviamo l'epico scontro con Boro avvenuto in Boruto episodio 208.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
3