Boruto 218: la verità sulla struggente morte di un vecchio amico

Boruto 218: la verità sulla struggente morte di un vecchio amico
di

Lo scontro tra Naruto e Isshiki ha ricevuto un'ottima reazione da parte degli spettatori, che lo hanno giudicato come uno dei momenti più spettacolari dell'intera serie Boruto: Naruto Next Generations, valorizzato anche dalla sua importanza dal punto di vista narrativo. L'ultima puntata è stata però segnata da una grave perdita per Konoha e Naruto.

Per attingere allo straordinario potere della Baryon Mode il Settimo Hokage ha stretto un patto con Kurama, la Volpe a Nove Code che da tutta la sua esistenza ospita all'interno del suo corpo. Nonostante questo accordo possa portare alla morte di uno dei due, è l'unico modo in cui il Villaggio della Foglia può sperare di sconfiggere Isshiki Otsutsuki.

L'eccessivo utilizzo della Baryon Mode ha causato la morte di Kurama. Questo significa che i Nove Cercoteri possono effettivamente morire? La risposta a questa domanda non è propriamente semplice. La dipartita di uno di questi nove titanici mostri avviene unicamente quando termina il chakra a loro disposizione, un evento più unico che raro considerando l'immensa quantità di energia che scorre al loro interno. Non soffrono per ferite riportate e non danno segni di invecchiamento, ma una volta raggiunto il loro limite di chakra utilizzabile muoiono, anche se non per sempre.

Decenni, se non secoli dopo a seconda dei casi, un Cercoterio può tornare in vita tramite una reincarnazione, e solo una volta che è stata accumulato chakra a sufficienza per consentirlo. Quindi Kurama, in seguito al patto con Naruto, ha deciso di sacrificarsi al posto dell'amico, privandoKonoha di una delle sue difese migliori, ma riuscendo a salvare l'Hokage.

Cosa ne pensate dei recenti avvenimenti nell'anime di Boruto? Cosa vi aspettate ora che il duo Naruto e Kurama non esiste più? Fatecelo sapere nella sezione commenti.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
3