Boruto 68: Shikamaru torna a brillare, il nuovo piano del consigliere dell'Hokage

Boruto 68: Shikamaru torna a brillare, il nuovo piano del consigliere dell'Hokage
di

Gli ultimi capitoli di Boruto: Naruto Next Generations hanno portato alla luce diverse informazioni, con altrettanti colpi di scena. L’ apparente tregua del capitolo 68 ha lasciato scossi quasi tutti i personaggi principali, e tra questi l’unico ad aver agito lucidamente e in maniera pragmatica è stato il consigliere dell’Hokage: Shikamaru Nara.

Nella serie originale di Naruto, Shikamaru Nara ha ricoperto un ruolo piuttosto singolare, diventando l’unico chunin del vasto e interessante gruppo coinvolto nell’esame, dimostrando di sapere elaborare strategie acute quanto efficaci, studiando la conformazione ambientale del campo di battaglia e sfruttando spesso i punti deboli degli avversari.

Nel sequel, Shikamaru si è dimostrato in svariate occasioni un alleato estremamente valido e indispensabile per la protezione di Konoha, e nel capitolo in questione ha dimostrato ancora una volta le sue straordinarie capacità strategiche, anticipando le mosse di Code. L’antagonista aveva infatti lasciato un marchio sul collo del ninja della Foglia per raggiungerlo in un secondo momento. Recatosi da Amado per scoprire le sue reali intenzioni, Shikamaru sapeva che Code li avrebbe raggiunti per cercare di riottenere i poteri del Karma grazie all’intervento dello scienziato.

Ma non è tutto, in quanto Nara aveva anche preparato un’arma segreta, nascosta proprio all’interno della stanza: il nuovo modello di Delta, riprogrammato da Amado per difendere Konoha. In una singola mossa Shikamaru è riuscito ad attirare e circoscrivere la minaccia di Code ad un’unica stanza, e mettendo in pericolo solo lui e Amado anziché l’intero villaggio. Sfortunatamente però Shikamaru non aveva previsto l’intervento di Ada nel confronto, che al suo arrivo lascia senza parole Amado.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
2