Boruto: ecco com'è cambiato lo status quo di Konoha dopo gli ultimi avvenimti

Boruto: ecco com'è cambiato lo status quo di Konoha dopo gli ultimi avvenimti
di

Il ritorno di Masashi Kishimoto alla guida del manga di Boruto: Naruto Next Generations ha portato a un grande scossone e a forti ripercussioni per il futuro dell'opera. Scopriamo cosa è accaduto nel capitolo 55 e com'è cambiato lo status quo dei ninja della Foglia.

Con gli ultimi eventi, l'opera ha decisamente cambiato passo. Kishimoto ha portato i lettori a dare l'addio a uno dei protagonisti più iconici della sua saga; un triste avvenimento che ci farà riconsiderare la forza del Settimo Hokage.

Al termine della battaglia con Isshiki Otsutsuki, Naruto ha salutato forse per sempre il suo Bijuu, la Volpe a Nove Code. Con la devastante Baryon Mode, Kurama ha esaurito il suo chakra, abbandonando il suo più caro amico e i lettori.

Ma prima di ciò, a fare le spese dello scontro era stato Sasuke, il quale ha perso il suo Rinnegan in seguito alla ricomparsa di Momoshiki. L'Uchiha potrebbe però nuovamente affidarsi al suo ex maestro, che attraverso i jutsu oscuri potrebbe curarlo.

In attesa di futuri risvolti, Naruto e Sasuke sono tornati al Villaggio della Foglia con i poteri dimezzati, lasciando allo scoperto i loro compagni. Sebbene siano ancora due shinobi dalle capacità eccezionali, un eventuale nuovo assalto degli Otsutsuki potrebbe portare Konoha al collasso.

Difatti, Naruto, Sasuke, Boruto e Kawaki sono scampati alla forza brutale di Isshiki solamente grazie al sacrificio di Kurama e alla Baryon Mode. Senza questa tecnica, nessuno dei ninja del villaggio potrebbe contrastare una simile potenza. Sakura e Shikamaru non solo all'alteza di un combattimento di tale portata, mentre la generazione futura non è ancora pronta a difendere Konoha. Il nuovo villain di Boruto è come Arya Stark di Il Trono di Spade, scopriamo perché.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
2