Boruto: ecco perché la serie corre rischi che Dragon Ball non ha mai preso

Boruto: ecco perché la serie corre rischi che Dragon Ball non ha mai preso
di

Sin dalla prima vignetta di Boruto: Naruto Next Generations è stato subito messo in chiaro che a un certo punto della storia il Villaggio della Foglia sarebbe stato raso al suolo e che il Settimo Hokage sarebbe stato sconfitto da un nemico misterioso. Un rischio che franchise leggendari come Dragon Ball non hanno mai preso.

E adesso gli ultimi capitoli del manga, che vedono il ritorno di Masashi Kishimoto alla guida, pare stiano mettendo in scena questi eventi. Durante la tremenda battaglia con Isshiki Otsutsuki, messo alle strette Naruto è stato costretto a ricorrere a una tecnica suicida, la Baryon Mode. Uccidere il volto del brand è un qualcosa che nessun autore ha mai avuto il coraggio di fare. Ma quali potrebbero essere le conseguenze di questo atto?

All'inizio di Dragon Ball Z tutti i presupposti indicavano che la narrazione sarebbe stata incentrata su Gohan, il quale avrebbe preso il posto di suo padre come protagonista principale. Tuttavia, Akira Toriyama alla fine ha ceduto all'incredibile notorietà di Goku. Kishimoto riuscirà a trovare questo coraggio?

Con la morte di Naruto, la serie potrebbe finalmente concentrarsi a pieno regime sulla prossima generazione di shinobi. Infatti, mentre Boruto ha avuto un ruolo di primo piano, anche durante gli scontri più complessi, i suoi amici non hanno avuto questa possibilità. Le battaglie più ardue dell'opera sono quasi sempre state risolte dal Settimo Hokage e Sasuke, e in parte proprio da Boruto. Se i due ninja più forti di Konoha venissero messi da parte, allora potremmo veramente dire che Boruto è pronto alla "Naruto Next Generations".

Uno dei principali difetti di Dragon Ball Super è una scala dei poteri ormai fuori controllo. Goku e Vegeta sono ormai al pari degli dei e il resto dei Guerrieri Z non può fare altro che osservarli da lontano. Questo, almeno fino a ora, è esattamente ciò che è accaduto in Boruto.

Gli ultimi capitoli del manga, infatti, hanno privato Sasuke Uchiha del potentissimo Rinnegan. Un metodo geniale per depotenziarlo senza doverlo uccidere a tutti i costi. Con Naruto, però, pare che la situazione sarà diversa. Il Settimo Hokage dovrebbe andare incontro a un triste destino.

Stando a quanto affermato dall'artista Mikio Ikemoto, Boruto: Naruto Next Generations conterà un totale di meno di 30 volumi. A oggi, dunque, siamo arrivati a circa metà della narrazione, un punto che dovrebbe segnare una svolta clamorosa e che dovrebbe portare i giovani ninja di Konoha a emergere dalle ombre dei loro genitori.

Se quest'opera vuole davvero distinguersi, dovrebbe concedere più spazio a personaggi profondi come Sarada o Mitsuki. Qualora Kishimoto non trovasse il coraggio di apportare questi cambiamenti e continuasse a giocare sul sicuro, il sequel di Naruto non riuscirà mai a raggiungere le vette toccate nella storia originale. Gaara e Shinki utilizzano la Tecnica dell'Erotismo nello spin-off Boruto SD. Il ritorno di Neji Hyuga segna le pagine dello spin-off Boruto SD.

FONTE: CBR
Quanto è interessante?
4