Coronavirus, l'appello dell'autore di Dylan Dog: "Restiamo a casa!"

di

"Ognuno di noi deve fare la sua parte", questo il messaggio che Tiziano Sclavi, scrittore di Dylan Dog, ha cercato di indirizzare ai propri fan. L'Italia è attualmente in una fase molto delicata ed in un contesto simile, l'autore di uno dei personaggi più iconici del panorama fumettistico italiano non poteva certo stare con le mani in mano.

"Innanzitutto chiedo scusa ma non so parlare in pubblico, faccio fatica ad apparire in video o in audio ma mi sembrava giusto fare un'eccezione vista la situazione d'emergenza", ha detto Sclavi nei primi secondi del video reperibile in cima all'articolo, "vorrei ringraziare tutto il personale sanitario, i medici e gli infermieri che hanno perso la vita. Per il resto io sono a casa, e penso che dovreste stare a casa anche voi! Dobbiamo fare tutti la nostra parte, e ricordate che potremmo essere infetti anche da asintomatici!".

Il messaggio dell'autore è molto chiaro: restare a casa per fare la propria parte. Negli ultimi secondi della clip è stata anche mostrata una speciale tavola preparata proprio per combattere la disinformazione, visibile anche in calce. Le vignette, sceneggiate dallo stesso Sclavi e disegnate da Sergio Gerasi, mostrano Dylan Dog mentre intima ai lettori di rimanere tra le mura domestiche.

Nel corso dell'ultimo mese il Coronavirus ha letteralmente cambiato la vita degli italiani, ormai costretti in quarantena, e provocato danni economici disastrosi. Per quanto riguarda il mondo dei fumetti, in Italia il virus ha causato il rinvio di alcuni importanti eventi d'intrattenimento come il Romics 2020 o il Napoli Comicon.

E voi cosa ne pensate? Come state combattendo la quarantena? Fatecelo sapere lasciando un commento nel riquadro sottostante!

Quanto è interessante?
1
Coronavirus, l'appello dell'autore di Dylan Dog: 'Restiamo a casa!'