Dragon Ball: la psicologia dietro la rivalità tra Goku e Vegeta in un nuovo studio

Dragon Ball: la psicologia dietro la rivalità tra Goku e Vegeta in un nuovo studio
di

La rivalità tra Goku e Vegeta è ormai uno degli aspetti centrali nella narrazione di Dragon Ball e nonostante ormai il il rapporto tra i due Saiyan può essere descritto come un'amicizia, l’orgoglio del principe finisce spesso per tramutarla in un confronto, che è stato preso in esame dal punto di vista psicologico da un importante accademico.

Nobuyuki Ota è un professore associato all’Università di Chubu, e dottore in psicologia educativa all’università di Nagoya, e in passato ha firmato lavori e studi relativi alla psicologia delle relazioni tra rivali. Durante un’intervista è stato chiesto a Ota cosa ne pensasse del rapporto tra Goku e Vegeta, e lo studioso ha risposto che definirla una vera rivalità è sbagliato.

Dal suo punto di vista infatti è unicamente Vegeta ad alimentare questo tipo di legame, e a considerare Goku come un rivale, mentre il protagonista continua unicamente a dedicarsi alle battaglie e a migliorare come combattente per il gusto di farlo. Focalizzandosi su Vegeta, Ota ha commentato “il vantaggio più grande nell’avere un rivale è donare uno scopo a ciò che fai. Se vuoi vincere contro qualcuno ad ogni costo, è più semplice impegnarsi al massimo…le rivalità in cui un individuo vuole essere forte quanto qualcun altro sono le più comuni."

Ota ha poi continuato con: "questo tipo di rivalità include casi in cui entrambe le parti hanno un livello simile di competenza, ma un singolo può percepire il rivale come migliore…per questo tipo di individui, i loro rivali risultano di poco superiori, per questo competere frequentemente li porta ad un miglioramento personale.”

Nei risvolti narrativi più recenti di Dragon Ball Super, Vegeta sembra aver finalmente abbandonato la volontà di inseguire Goku cercando di superarlo, e ha intrapreso un percorso personale seguendo gli insegnamenti del Dio della Distruzione Beerus. Fateci sapere cosa ne pensate di quest’analisi nei commenti.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
2