Dragon Ball Super: com'è nato l'Ultra Ego? Le parole di Toyotaro

Dragon Ball Super: com'è nato l'Ultra Ego? Le parole di Toyotaro
di

Il duo composto da Akira Toriyama e Toyotaro ci hanno fatto attendere prima di puntare interamente i riflettori su Vegeta nell'ultimo arco narrativo di Dragon Ball Super. Da diverse saghe, infatti, il Principe dei Saiyan era finito ai margini della narrazione, con i suoi poteri che non potevano competere con quelli del suo acerrimo rivale.

L'ultimo volume di Dragon Ball Super ha ufficialmente svelato i colori reali di Vegeta Ultra Ego, la tecnica divina che il noto anti-eroe ha appreso grazie all'addestramento con Beerus. Qualche settimana fa, Toyotaro aveva partecipato ad un'intervista in cui svelava qualche retroscena sulla tecnica incentrata sulla distruzione del Principe che il sensei ha comunque voluto riassumere nell'ultimo tankobon di Dragon Ball Super.

L'autore, dunque, spiega: "[...] per certi versi è simile all'Ultra Istinto ma con un senso diverso. Inoltre, il termine "Ego" cozzava a pennello con il personaggio, ed ecco perché abbiamo optato per Ultra Ego. Se ci fate caso, il termine giapponese utilizzato per "Ego" è simile a quello di "Istinto", ma al contrario i Kanji possono essere tradotti come "fai come ti pare". In breve, la differenza tra i due può essere "il tuo corpo che si muove liberamente" e "muovi il tuo corpo liberamente". Avevo paura di chiamarlo "Ultra Ego" perché pensavo fosse troppo ovvio, ma lo trovavo comunque interessante. Avevo l'opportunità di creare l'Ultra Ego e fare in modo che fosse l'esatto opposto dell'Ultra Istinto."

Le sue parole non fanno che confermare le ipotesi dei fan che nel complesso sono rimasti davvero colpiti dalla nuova forma di Vegeta in netta antitesi a quella di Goku. E voi, invece, cosa ne pensate dell'idea di Toyotaro, vi piace? Fatecelo sapere con un commento qua sotto.

Quanto è interessante?
3