Dragon Ball Super: le differenti filosofie da guerrieri di Goku e Vegeta

Dragon Ball Super: le differenti filosofie da guerrieri di Goku e Vegeta
di

Nella lunga sete di dibattito su chi sia realmente più forte tra Goku e Vegeta, alimentato soprattutto dagli avvenimenti di Dragon Ball Super, vi è una considerazione che spesso tende ad essere evitata: le differenti filosofie di entrambi i personaggi. Ma proviamo a chiarirle meglio prendendo in considerazione l'attuale saga con l'arco di Freezer.

Nonostante Vegeta ne sia uscito sconfitto dal combattimento contro Molo, il saiyan ha comunque dimostrato di essere maturato profondamente rispetto al passato, al punto tale da sfruttale un dialogo con lo stregone per chiarire le proprie differenze con il suo acerrimo rivale, Goku.

L'iconico protagonista, infatti, durante la battaglia contro Freezer su Namecc chiarì le proprie intenzioni, ovvero distruggere l'avversario al massimo dei propri poteri per schiacciarne l'orgoglio, al punto tale da generare paura e fare scherno sulla malvagità dell'Imperatore del male. Lo stesso Goku, inoltre, si sentì caparbiamente arrogante, intimando il nemico in un primo momento di tornare semplicemente ad allenarsi (come effettivamente farà) e, successivamente, risparmiandogli la vita in un gesto di spartana avidità. In nessuno dei casi, nemmeno quando il saiyan arriverà vicino alla morte durante il duello, combatterà per uccidere il proprio avversario. E ciò è ancor più interessante in comune con un altro punto, poiché nel seguito della storia l'opinione di Goku cambierà fortemente nella saga di Cell, quando consapevole dell'errore fatto con Freezer intimerà quasi a suon di supplica lo stesso figlio ad eliminare il mostro del Dottor Gelo.

Vegeta, al contrario, è sempre rimasto consapevole della propria identità di villain. Un uomo che, nonostante abbia eliminato decine se non centinaia di esseri umani, ha già accettato il proprio destino smettendo de facto di cambiarlo. Nemmeno contro Molo, dopo aver assorbito larga parte dei suoi poteri, ha messo in discussione la propria identità non facendosi alcuno scrupolo nel prepararsi ad uccidere lo stregone. Due filosofie differenti che, in corso alla storia, hanno finito per allinearsi e somigliarsi sempre di più, seppur senza mai sovrapporsi per intero.

E voi, invece, cosa ne pensate di queste due differenti filosofie? Diteci la vostra con un commento qua sotto.

Quanto è interessante?
1