Dragon Ball Super: nella versione manga i livelli di forza sono differenti?

di

Il manga di Dragon Ball Super prosegue con la sua serializzazione mensile, con il Torneo del Potere che ormai ha preso il via anche nella versione cartacea realizzata da Toyotaro e supervisionata da Toriyama. Tuttavia, il mangaka sta apportando diverse modifiche rispetto all'anime, differenze che potrebbero anche definire nuovi livelli di forza.

Ci spieghiamo subito: il capitolo 34, di cui vi abbiamo già offerto qualche novità circa eliminazioni sorprendenti o alleanze scardinate, ha avuto un principale protagonista, il perfido Frost. L'alieno del Sesto Universo, infatti, ha dato prova di un'abilità e un'astuzia largamente superiori rispetto alla versione anime di Dragon Ball Super.

Frost è infatti riuscito ad eliminare, in un sol colpo, sia Crilin che Tenshinhan, creando molti più danni all'Universo 7 rispetto al suo coinvolgimento nell'anime: per di più, il guerriero del Sesto Universo è persino in procinto di eliminare Muten molto prima rispetto agli episodi televisivi, salvo poi giungere Goku in aiuto del suo maestro.

Nella versione animata di Dragon Ball Super, il maestro Muten riesce a tener testa a Frost più a lungo rispetto alla scarna figura che lo vede protagonista nel manga: al di là delle differenze narrative, che vedono peraltro Frost essere eliminato da Freezer subito dopo aver stretto la propria ambigua alleanza, è probabile che anche i livelli di forza siano leggermente diversi a seconda della versione manga o anime del midquel di Dragon Ball Z.

Insomma, Frost dà piena prova della sua vera potenza più nel manga che nell'anime; sia Crilin che Tien riescono a tener testa a più avversari prima di essere eliminati, così come lo stesso Muten dà una prova di forza largamente maggiore contro Frost: siamo curiosi, a questo punto, di conoscere gli esiti degli scontri successivi.

Quanto è interessante?
2