Dragon Ball Z, un candidato al Congresso rivela: "l'anime alimenta i porno su internet"

Dragon Ball Z, un candidato al Congresso rivela: 'l'anime alimenta i porno su internet'
di

La battaglia alla pornografia è una guerra da lungo combattuta dal fronte della politica. Tuttavia, spesso gli strumenti con la quale vengono additate le responsabilità sono particolarmente ambigue, basti pensare all'accusa di un candidato al Congresso della Florida nei riguardi di Dragon Ball Z e dell'animazione nipponica.

La sessualizzazione dei personaggi femminili è un tema molto caldo in patria, motivo che ha generato numerose polemiche anche nei riguardi di opere celebri My Hero Academia. Il candidato al Congresso della Florida, KW Miller, celebre per le accuse a Beyonce di "non essere afroamericana", è tornato al centro dell'attenzione mediatica per via di un cinguettio diffuso in rete nelle scorse ore:

"Adesso stanno introducendo una grossa quantità di materiale anime pornografico nella rete di Internet. Dragon Ball Z è uno dei principali problemi qui. Stanno sessualizzando i personaggi dei cartoni animati per promuovere un piano perverso sui nostri figli. Quale sarà il prossimo passo? Come andrà a finire?"

In breve tempo il posto è divenuto virale in rete con migliaia di condivisioni, scatenando la community anime in centinaia e centinaia di commenti goliardici. E voi, invece, cosa ne pensate della dichiarazione di Miller? Fatecelo sapere, come di consueto, con un commento qua sotto. Ma a proposito del tema scottante, avete dato un'occhiata all'ultima pesante controversia su Sword Art Orline: Alicization?

Quanto è interessante?
6