Dragon Ball Z: perché il corpo di Vegeta non è mai andato nell'aldilà dopo la sua morte?

Dragon Ball Z: perché il corpo di Vegeta non è mai andato nell'aldilà dopo la sua morte?
di

Il concetto di morte in Dragon Ball Z non è mai stato approfondito in maniera particolare, ma sappiamo che quando una persona perde la vita la sua anima raggiunge l'aldilà sotto forma di una piccola nuvola, e in base alle azioni compiute finiscono in paradiso o all'inferno, mentre solo in rari casi alle anime viene lasciato il controllo del corpo.

L'ultimo caso è un eccezione, che si manifesta solo quando il deceduto ha compiuto gesta eccezionali, come salvare il pianeta Terra ad esempio, e questo giustifica il fatto che Goku una volta morto potesse continuare ad usare il suo corpo. Ma perché allora Vegeta, che ha sterminato razze e distrutto pianeti, non si è mai ritrovato negli inferi?

Prima delle sue due morti in Dragon Ball Z, il Principe dei Saiyan aveva vissuto un'esistenza macchiata da genocidi, avidità e profondo egoismo, ma sappiamo comunque quanto sia effettivamente cambiato nel corso degli eventi che lo hanno portato a rimanere sul pianeta Terra e a legarsi sentimentalmente con Bulma. Poco prima di morire per la prima volta Vegeta ha chiesto a Goku di fermare Freezer, di non permettergli di trasformare qualcun altro in quello che era diventato lui stesso.

Ammettere un difetto del genere non è mai facile per nessuno, ma quest'unico episodio rispetto alle brutalità commesse in passato non giustifica assolutamente Vegeta agli occhi di Re Enma, e per questo, nonostante nella serie non venga specificato nulla a riguardo, il Saiyan si sarebbe meritato indubbiamente di finire all'inferno.

Le cose si complicano quando si va ad analizzare la seconda morte di Vegeta, segnata da momenti particolarmente commoventi, come altri pochi visti nell'intera serie. Poco prima di sacrificarsi contro Majin Buu, Piccolo gli spiega che non sarà in grado di mantenere il suo corpo, considerata la quantità di vite che ha spento. Più avanti nella stessa saga però, Vegeta, in seguito ad una discussione con il Re Emma, riotterrà il suo corpo per partecipare allo scontro con Buu. Sembra quindi che il Re abbia deciso di mantenere nel purgatorio l'anima del Saiyan, decidendo di dargli una seconda possibilità per salvare la Terra.

Il personaggio di Vegeta rappresenta quindi una delle rare eccezioni nell'universo di Dragon Ball, diverso da Goku, ma molto più profondo, che ha subito un'evoluzione nel corso degli anni. Nel momento in cui Dende ha chiesto al drago Polunga di riportare in vita tutte le persone morte dall'inizio del Torneo Mondiale di Arti Marziali, l'aureola di Vegeta è sparita, confermando ancora una volta come l'ombra degli atti commessi in passato è stata eliminata dalla sua indole, ormai buona.

Ricordiamo che Dragon Ball Z e Jojo si sono uniti in un esilarante crossover, e vi lasciamo ad un bel cosplay di Bulma adulta.

FONTE: CBR
Quanto è interessante?
4