Dragon Ball Z: il riassunto della saga dei Saiyan, da Radish allo scontro con Vegeta

Dragon Ball Z: il riassunto della saga dei Saiyan, da Radish allo scontro con Vegeta
di

Sono passati cinque anni dal 23° Torneo Tenkaichi. Goku e ChiChi sono sposati e hanno un figlio, Son Gohan, e dopo un periodo di pace sulla Terra arriva una minaccia. Si tratta di Radish, fratello maggiore di Goku e uno dei pochi Saiyan sopravvissuti alla distruzione del pianeta Vegeta. Ha così inizio la saga dei Saiyan, prima di Dragon Ball Z.

Nella nuova serie, Akira Toriyama introduce da subito nuovi elementi, tra cui la verità sulle origini aliene del protagonista. Mentre Goku si dirige alla Kame House dove incontra i suoi vecchi amici, Piccolo si ritrova contro un nemico ben oltre le sue capacità: Radish, che dopo aver messo al tappeto l’avversario arriva alla casa di Muten.

Radish rapisce Gohan, e quindi Goku e Piccolo decidono di unire le forze per fermarlo. Dopo uno scontro dove i tre sfoggiano le loro tecniche migliori, Goku riesce a bloccare Radish e si sacrifica per permettere a Piccolo di colpirlo col suo Makankosappo. In punto di morte il Saiyan rivela che i suoi compagni arriveranno presto sulla Terra.

Vista la gravità della situazione, il Dio della Terra decide di portare Goku nell’aldilà, dove, dopo aver percorso la Via del Serpente, arriverà da Re Kaioh per allenarsi. Mentre Goku è in cammino, Gohan sopravvive per mesi nel Deserto di Break, seguendo l’addestramento voluto da Piccolo.

Nel corso del suo allenamento con Re Kaioh, Goku apprende di più sui Saiyan: guerrieri guidati dal desiderio della battaglia, capaci di trasformarsi in giganteschi scimmioni alla vista della luna piena, che, prima della distruzione del loro pianeta natio, espansero il proprio dominio mandando bambini a conquistare altri mondi.

Dopo aver appreso il Kaioken e la Sfera Genkidama, Goku contatta Muten chiedendogli di farlo tornare in vita tramite le sfere; manca un solo giorno all’arrivo dei Saiyan. Atterrati nella Città dell’Est, Vegeta e Nappa iniziano a seminare distruzione per poi cercare persone con livelli di combattimento elevati. Seguendo i dati sugli scouter arrivano al cospetto di Crilin, Gohan e Piccolo, che riconoscono essere un namecciano. I tre vengono raggiunti da Tenshinhan, Jiaozi e Yamcha.

La serie di battaglie, anche grazie all’aiuto dei Saibamen, si conclude con la morte di Yamcha, Jiaozi e Piccolo, che perisce per proteggere Gohan, al quale si è molto affezionato. È arrivato il turno di Goku, che riesce a salvare suo figlio e a sconfiggere rapidamente Nappa, che viene brutalmente ucciso da Vegeta perché dimostratosi disonorevole.

Stavola è il principe dei Saiyan a schierarsi in campo contro Goku. I due danno vita ad uno degli scontri più iconici e memorabili dell’intera serie, tra tecniche spettacolarizzanti come il Kaioken e la trasformazione in Oozaru dell’antagonista. Nel tentativo di accumulare abbastanza energia per la sfera Genkidama, Goku viene preso dal nemico, e a salvarlo è, con grande sorpresa, Yajirobei che taglia la coda al gigantesco Vegeta.

Goku chiede a suo figlio di distrarre Vegeta per consentirgli di accumulare abbastanza energia. Gohan si trasforma in Oozaru e crolla su Vegeta quando questi gli taglia la coda. Il Saiyan è ancora vivo, e disperatamente cerca di raggiungere la sua navicella per allontanarsi. La saga dei Saiyan, raccontata dal capitolo 195 al 241, si conclude con la fuga di Vegeta e il desiderio di Goku di riaffrontarlo quando sarà diventato più potente.

Quanto è interessante?
3