Earwig e la Strega, parla Goro Miyazaki: "Niente vecchi nel mio staff, ho piena libertà"

Earwig e la Strega, parla Goro Miyazaki: 'Niente vecchi nel mio staff, ho piena libertà'
di

Goro Miyazaki, figlio del celebre fondatore di Studio Ghibli Hayao Miyazaki, ha recentemente parlato ai microfoni del quotidiano giapponese The Mainichi Shimbun, rivelando tanti interessanti retroscena sul nuovo film Earwig e la Strega e specificando, addirittura, di aver scelto di non coinvolgere nella produzione i "vecchi di Studio Ghibli".

Miyazaki ha innanzitutto parlato della protagonista, descrivendola come segue: "Earwig è la tipica eroina che non è mai stata rappresentata nei film Ghibli fino ad ora: una ragazzina forte che fa tutto il possibile per vivere alla sua maniera. Nel corso dell'avventura avrà molte pressioni addosso e affronterà tante difficoltà, ma rimarrà sempre solare e carismatica".

Successivamente, il regista ha discusso delle sfide portate dall'animazione 3DCG: "In principio ero l'unico tra gli animatori Ghibli ad aver lavorato con questo tipo di tecnologia, quindi mi sono fatto carico del progetto e ho portato avanti la produzione senza consultarmi con nessuno. Hayao Miyazaki e il produttore Toshio Suzuki mi hanno incoraggiato, dicendomi che gli sembrava un'ottima idea, e di conseguenza ho ottenuto piena libertà. Potendo scegliere, ho preferito lavorare sull'anime con uno staff giovane, senza consultare i vecchi [ride]".

Vi ricordiamo che Earwig e la Strega potrebbe arrivare presto su Netflix e che sarà mostrato per la prima volta durante Cannes 2020. La pellicola ha una durata di 82 minuti ed è ispirata dall'omonimo romanzo per ragazzi del 2011 di Diana Wynne Jones.

Quanto è interessante?
2