EDENS ZERO ha proposto ai fan la conclusione dell'arco narrativo di Guilst

EDENS ZERO ha proposto ai fan la conclusione dell'arco narrativo di Guilst
di

Pubblicato recentemente sulle pagine di Weekly Shonen Magazine, il nuovo capitolo di EDENS ZERO, opera a fumetti scritta e disegnata dal geniale Hiro Mashima, ha finalmente proposto ai fan la conclusione del travagliato arco narrativo ambientato sul pianeta Guilst: un orribile luogo governato dal denaro e dalla lussuria.

Intitolato “Il piano di fuga da Guilst”, il capitolo 27 di EDENS ZERO si è infatti aperto ai piedi del gigantesco palazzo del rospo alieno Illeega, dove E.M. Pino e Rebecca, dopo aver salvato la B-Tuber di nome Copa, si sono fermati ad aspettare l’arrivo di Shiki e compagni. Poiché un Chronophage stava per colpire il pianeta, privandolo di chissà quanti anni di storia, l’etere del corpo celeste ha scatenato dei disastri alquanto bizzarri, come terremoti e l’improvvisa crescita degli alberi dell’intero pianeta...

Proprio quando Rebecca è precipitata in un profondo crepaccio, Shiki, utilizzando i propri poteri gravitazionali, ha salvato l’amica e, dopo aver raccolto anche E.M. Pino, si è diretto verso il resto della banda, cui recentemente si è unita anche Sister Ivry. Finalmente al completo, il gruppo ha dunque atteso l’arrivo della nave spaziale EDENS ZERO, che tuttavia si è ritrovata impossibilitata ad atterrare, a causa dell’eccessiva presenza di rami e alberi in tutta la zona circostante.

Utilizzando i rispettivi Ether Gear, ossia una spada ed un fucile modificato per fungere anche da lanciafiamme, Homura e Weisz hanno subito creato un piccolo varco tra i rami, che Shiki ha sfruttato in maniera piuttosto intelligente: ricorrendo ancora una volta alla manipolazione della gravità, il ragazzo ha afferrato tutti i compagni e si è lasciato “cadere” verso la nave EDENS ZERO, permettendo difatti all’intera banda di salire a bordo del vascello spaziale.

Una volta recuperato l’equipaggio, la EDENS ZERO è subito sfrecciata il più lontano possibile, mentre il pianeta Guilst è stato travolto dal Chronophage. Ironicamente, tuttavia, il passaggio della terrificante creatura aliena ha segnato la “rinascita” del pianeta, in quanto questo è stato privato dei suoi ultimi 1.200 anni; della sua implacabile corruzione, di conseguenza, non è rimasto nemmeno il ricordo.

E voi, cosa ne pensate di questa conclusione? Siete soddisfatti delle trovate escogitate da Mashima o avreste preferito un finale diverso per le vicende di Guilst?

Quanto è interessante?
1