L'evoluzione di Berserk in 24 anni: immagini a confronto per i cambi nello stile di Miura

L'evoluzione di Berserk in 24 anni: immagini a confronto per i cambi nello stile di Miura
di

Kentaro Miura è uno degli autori più famosi e bravi del panorama dei manga, ma anche uno dei meno ben voluti per il ritmo con cui viene pubblicato il suo pezzo da novanta, il popolare Berserk. In circa trent'anni di carriera, Miura ha pubblicato finora "solo" 359 capitoli suddivisi in quaranta tankobon.

Infatti l'autore sovente prende delle pause, rimandando le pubblicazioni dei capitoli di Berserk e tenendo i fan con il fiato sospeso. Molto di ciò, va detto, è anche attribuibile alle spettacolari tavole ultra dettagliate che il mangaka inserisce nell'opera. Mentre Miura si adopera con lo Studio Gaga per rendere più veloce la serializzazione di Berserk, un fan nota un dettaglio mettendo a confronto il Berserk del 2018 con il Berserk del 1994.

Con gli ultimi eventi, Caska ha finalmente riacquistato la memoria e sull'isola degli Elfi è desiderosa di incontrare Gatsu. Questo fa da parallelo a una pagina di un capitolo del 1994 dove la donna fu costretta ad abbandonare il suo commilitone, vedendolo allontanarsi nella neve dopo aver sconfitto Grifis in uno scontro.

Come si può notare nel tweet in calce, lo stile di Kentaro Miura si è evoluto in modo abissale. Tutto sembra diverso, dal character design, alle posture ai vari dettagli dell'ambientazione. L'immagine a sinistra risale al capitolo 40 contenuto nel volume 8 del 1994, l'immagine a destra invece a uno primi capitoli del 2018, il 355. E voi preferireste un Berserk disegnato come 25 anni fa ma con una pubblicazione più rapida oppure siete contendi del Berserk iper dettagliato ma lento di oggi?

Quanto è interessante?
4