Free Books: si dimette direttore editoriale

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Si dimette Andrea Materia, nel ruolo di direttore editoriale della casa editrice Free Books.

La notizia si è saputa tramite il comunicato stampa scritto nel sito ufficiale della casa editrice.

Ricordiamo che la Free Books, ha anche una linea editoriale che si occupa della pubblicazione di manga giapponesi, coreani e cinesi. Ecco il comunicato intero:

Sarò breve. Nei giorni scorsi ho comunicato alla Free Books l'intenzione di interrompere la mia collaborazione con la casa editrice, per la quale negli ultimi 4 anni ho curato la direzione editoriale. Mi dedicherò d'ora in avanti a esplorare nuove opportunità professionali e intensificare l'attività di produzione di contenuti multimediali, il mio core business, esploso nel recente passato per le molteplici trasmissioni in diretta televisiva e radiofonica targate RAI che ho scritto e condotto. Tra le altre iniziative, a brevissimo annuncerò la nascita della Viral Show Company; come intuirete già dal nome un progetto tutto proiettato verso il Web 2.0.

Ma in attesa del futuro, permettetemi due parole sul passato.

In questi quattro anni Free Books è cresciuta fino a diventare una delle più vitali e riconosciute realtà editoriali del mondo del fumetto italiano. Sia il brand che la library Free si sono imposte sugli scaffali delle librerie e hanno acquisito un indiscusso prestigio sul versante B2B internazionale. Lo testimoniano le preziose partnership con editori USA del calibro di Dark Horse, Image, IDW, Harper Collins, DC Comics, e con innumerevoli colossi dei manga giapponesi (da Akita a Tokuma Shoten passando per Shonen Gahosha ed Enterbrain) e dei manhwa coreani.

Non spetta a me elencare le centinaia e centinaia di graphic novel Free Books legate ai personaggi più noti dei comics americani, da Buffy a Strangers In Paradise, passando per classici immortali come Krazy Kat e Steve Canyon, o fare l'appello dei grandi autori pubblicati in formato tascabile b/n, giapponese o Bonellide. A moltissimi tra voi basta infatti dare uno sguardo alla vostra collezione. E di questo, del vostro supporto e sostegno, vi ringrazio infinitamente.

Sono convinto che l'ascesa della Free continuerà nel tempo, e faccio sin d'ora i miei migliori auguri di buon lavoro ai creativi e ai tecnici che verranno individuati dalla Free Books per sostituirmi e progredire nello sviluppo del piano industriale ed editoriale.