Horikoshi inverte i canoni in My Hero Academia: la peculiarità degli ultimi capitoli

Horikoshi inverte i canoni in My Hero Academia: la peculiarità degli ultimi capitoli
di

Kohei Horikoshi è già da qualche anno sulla cresta dell'onda grazie al suo manga, My Hero Academia. Dopo due tentativi andati a vuoto su Weekly Shonen Jump, l'autore è riuscito a creare un titolo di tutto rispetto e che al momento è tra i più seguiti nel mondo manga. Ciò è indubbiamente da attribuire alla capacità di utilizzare i canoni shonen.

Tuttavia Horikoshi ha mostrato che in My Hero Academia è capace anche di distanziarsi da essi e di non diventare una semplice copia delle opere che l'hanno preceduto come Naruto e Dragon Ball. Infatti, mentre in molti l'hanno giudicato un mero clone di Naruto, Horikoshi ha mostrato di poter sovvertire i soliti cliché dello shonen prendendo anche scelte coraggiose.

Una di queste è l'inserimento di una spia tra i nemici e per di più dall'aspetto piuttosto spietato: Hawks. L'eroe ha detto fin dalle sue prime apparizioni che era disposto a fare tutto il necessario per salvare la società ma raramente si è visto un personaggio positivo entrare a pieno titolo nel gruppo di capitoli, forse ammazzando un compagno come Best Jeanist, e per di più incutere timore a uno dei suoi nemici tradendolo e facendoci provare pena per lui.

Infatti, nella scena finale di My Hero Academia 263, vediamo Hawks che brandisce due lame mentre la sua figura è ammantata nell'ombra con un Twice invece inerme e spaventato per il tradimento di colui che riteneva un amico. Cosa ne pensate di questa scelta di Kohei Horikoshi? Intanto, sono già stati pubblicati i primi spoiler di My Hero Academia 264.

Quanto è interessante?
4