IAPO, nasce l'organizzazione mondiale contro la pirateria di anime e manga

IAPO, nasce l'organizzazione mondiale contro la pirateria di anime e manga
di

Nikkei Asia ha comunicato il 1° gennaio che aziende e organizzazioni di oltre 13 paesi stanno cooperando per formare l'International Anti-Piracy Organization (IAPO), che sarà operativa dal mese di aprile per contrastare la pirateria in tutto il mondo, anche alla luce dei nuovi cambiamenti nel mercato di anime e manga.

La Content Overseas Distribution Association (CODA) giapponese è al centro della nuova organizzazione. CODA comprende 32 compagnie giapponesi come Kodansha, Shueisha, Shogakukan, Aniplex, Kadokawa, Sunrise, Studio Ghibli, Bandai Namco Arts, Pony Canyon, Toei Animation e altre. IAPO includerà anche The Motion Picture Association of the United States (che ha sei membri tra cui Sony Pictures e Netflix), e circa 450 membri della Copyright Society of China. Anche le aziende e i gruppi di protezione del copyright della Corea del Sud e del Vietnam dovrebbero partecipare alla coalizione.

IAPO lavorerà per frenare la pirateria di manga e anime e anche per assistere le forze dell'ordine nelle indagini criminali sul campo, specialmente quando queste indagini criminali richiedono la cooperazione delle forze dell'ordine di più paesi. Il direttore di CODA, Masaharu Ina, ha dichiarato a TorrentFreak che l'organizzazione ha pianificato la fondazione della coalizione l'anno scorso.

Secondo Nikkei Asia, la pirateria è costata all'industria dei manga circa 800 miliardi di Yen (6,92 miliardi di dollari) nel solo Giappone da gennaio a ottobre 2021. Nikkei Asia ha dichiarato che questa cifra supera quella dell'intero mercato delle pubblicazioni autorizzate, che ha stimato in 600 miliardi di yen (circa 5,19 miliardi di dollari) all'anno.

In un precedente caso di richiesta di aiuto da parte del Giappone ad altri paesi nella lotta contro la pirateria, una corte distrettuale della California ha approvato la richiesta legale di Shueisha di rivelare le prove per identificare e perseguire il colpevole per violazione del copyright. Inoltre, quattro editori tra cui Shueisha si stanno preparando a presentare una denuncia penale contro gli operatori del sito web pirata in lingua giapponese Manga Bank.

Il parlamento giapponese ha emanato una proposta di revisione della legge sul copyright nel giugno 2020 per espandere la legge per punire coloro che consapevolmente scaricano manga, riviste e opere accademiche illegalmente caricate o piratate. La legge rivista è entrata in vigore nel gennaio 2021. La revisione ha anche vietato i "leech sites" che aggregano e forniscono collegamenti ipertestuali a media piratati a partire da ottobre 2020.

Non solo la pirateria affligge il mondo di anime e manga, un anime director ha gettato nuova luce sulle selvagge condizioni lavorative dell'industria.

FONTE: ann
Quanto è interessante?
3