Ken il Guerriero: altri maestri mangaka vi consigliano il manga di Tetsuo Hara e Buronson

Ken il Guerriero: altri maestri mangaka vi consigliano il manga di Tetsuo Hara e Buronson
di

Ken il Guerriero rappresenta uno dei punti più alti degli shonen. Tetsuo Hara e Buronson hanno dato vita ad un'opera straordinaria, capace di influenzare altri artisti importanti, come Kentaro Miura, e ancora oggi, a distanza di 40 anni dalla pubblicazione del primo capitolo su Shonen Jump, i maestri del settore continuano a rendergli omaggio.

Dopo il sorprendente annuncio del remake dell’anime, tutti gli omaggi realizzati dai grandi autori di Shueisha, e le due magnifiche illustrazioni di Testuo Hara per celebrare il 40° anniversario della serie, sono stati tantissimi i mangaka a consigliare alle nuove generazioni di lettori di recuperare ad ogni costo il manga di Ken il Guerriero, prima di avvicinarsi a quell’universo violento quanto affascinante attraverso la nuova serie anime.

Tra i nomi più celebri si trovano Akira Toriyama, papà di Dragon Ball, Osamu Akimoto, autore di Kochikame uno dei manga più longevi e di successo della storia del medium, e Hirohiko Araki, ideatore del bizzarro universo Jojo, che, almeno nelle prime serie, condivide con lo stile di Tetsuo Hara visto in Ken il Guerriero la massiccia corporeità dei personaggi. Di recente, però, sono stati altri due grandi esponenti del settore a consigliare ai lettori di leggere la storia simbolo di un’epoca.

Il primo è Yoshihiro Togashi, considerato uno dei migliori autori di opere shonen grazie a due capolavori come Yu Yu Hakusho, e lo sfortunato Hunter x Hunter, uscito solo da poco da una lunga pausa durata oltre tre anni. Il secondo mangaka a consigliarvi Ken il Guerriero è stato invece Yasuhisa Hara, conosciuto principalmente per il manga storico Kingdom, ambientato in Cina nel periodo degli stati combattenti, tra il V e III secolo avanti Cristo.

E voi recupererete Ken il Guerriero prima dell’uscita del remake dell’anime? O lo rileggerete in caso abbiate già avuto il piacere di leggerlo? Fatecelo sapere nei commenti. Per finire, ecco l’omaggio di Eiichiro Oda per i 40 anni di Ken il Guerriero.