L'attacco dei Giganti: il capitolo 115 ci mostra cosa ne è stato di Zeke

L'attacco dei Giganti: il capitolo 115 ci mostra cosa ne è stato di Zeke
di

Sempre più sorprese aspettano i fan di L'attacco dei Giganti, che procede verso il suo finale. Lo scorso capitolo aveva mostrato la storia di Zeke Jaeger, possessore del Gigante Bestia, che ha provato a suicidarsi portando con sé l'amatissimo capitano Levi. Nel capitolo 115, Isayama ci mostra che fine hanno fatto questi due personaggi.

Dal prossimo paragrafo troverete il contenuto del capitolo 115 di L'attacco dei Giganti, quindi non proseguite la lettura se volete evitare spoiler.

A poca distanza dal luogo dell'esplosione della Lancia del Tuono, Hange Zoe e il resto del plotone di ribelli comandato da Floch sta per attraversare un ponte. Dalla distanza proviene il rombo dell'ordigno esplosivo e decidono di dirigersi in quella direzione, convinti che troveranno qualcosa di importante. Sul luogo, Zeke sta per morire. Il suo corpo sventrato a metà sta per perdere i sensi e, nel farlo, ricorda altri avvenimenti del suo passato.

Durante uno degli ultimi discorsi con Xaver, Zeke capisce di non essere in grado di utilizzare il potere del Gigante Originale, ma deve dare quel potere a qualcuno di cui fidarsi. Questo perché Zeke è la chiave per l'attivazione del potere, essendo egli di sangue reale. Dopo aver divorato Xaver, giura al suo padre adottivo che avrebbe trovato una persona degna di fiducia. I ricordi proseguono con l'incontro con Yelena, che dà inizio alla rivolta eldiana, e alle informazioni ottenute da Reiner e Bertholt di ritorno dall'isola di Paradiso. Da qui capisce che deve parlare con Eren, il suo fratellastro, che probabilmente ha subito lo stesso dolore che aveva ricevuto lui dal padre. I due, quando si incontrano a Marley, concordano sul piano di eutanizzare Eldia. Zeke muore subito dopo questo ricordo, ma un avvenimento strano lo coinvolge: appare dal nulla uno strano gigante che si squarcia il ventre e vi inserisce all'interno il corpo dell'uomo.

Al quartier generale, Yelena intrattiene Pixis e gli altri membri dell'esercito, mostrando un totale controllo verso di loro e una completa devozione verso Zeke Jaeger, che ritiene sarà il salvatore del mondo. Tornando nelle campagne, Hange, Floch e il resto del gruppo raggiungono il carro esploso, e Hange si lancia verso Levi, a terra apparentemente morto. In quello stesso momento, il gigante che aveva preso Zeke inizia a dissolversi in una nuvola di fumo, da cui appare nuovamente il possessore del Gigante Bestia, completamente guarito. Approfittando della distrazione di tutti, Hange si lancia nel fiume portando con sé il corpo di Levi. Zeke dichiara di aver visto il "sentiero" che unisce tutti mentre era morto, ed è determinato a proseguire.

Nelle prigioni, Eren fa irruzione insieme ad un altro soldato per andare a trovare Gabi. Il piano di Eren è far contattare alla ragazzina gli infiltrati nelle mura, ma proprio in quel momento irrompe Pieck che uccide la guardia che accompagnava il protagonista. Dopodiché punta a quest'ultimo una pistola contro, chiedendo se sia lui Eren Jaeger. Il capitolo 116 di L'attacco dei Giganti arriverà il prossimo mese.

Quanto è interessante?
1