L'Attacco dei Giganti: Isayama confessa le difficoltà nello scrivere il finale

L'Attacco dei Giganti: Isayama confessa le difficoltà nello scrivere il finale
di

Nel corso di un documentario sul suo lavoro, l'autore del manga L'Attacco dei Giganti Hajime Isayama ha confessato agli spettatori i problemi legati al suo voler mantenere gli appassionati in uno stato di stupore in rapporto alla sua costante insicurezza riguardo all'esserne all'altezza, soprattutto per quanto riguarda il finale.

Negli scorsi giorni è andato in onda il documentario della MBS Jōnetsu Tairiku dedicato al manga L'Attacco dei Giganti, e l'autore Hajime Isayama ha rilasciato delle dichiarazioni che saranno senza dubbio interessanti per tutti coloro che seguono la sua opera. Come abbiamo riportato anche noi sulle pagine di Eveyeye, il documentario mostra Isayama mentre disegna la tavola conclusiva dell'intera serializzazione, cosa che ha aperto le porte ad alcune riflessioni sul lavoro del mangaka e sul rapporto con le aspettative dei fan.

Come sappiamo infatti il manga sta entrando nel suo arco narrativo conclusivo, con lo stesso Isayama che nel 2014 dichiarò (insieme al suo editor) che mancavano ormai poco più di tre anni alla fine della storia. L'autore in questo lasso di tempo ha dovuto, parole sue,"combattere con il peso di dover soddisfare le aspettative del pubblico e allo stesso tempo disattenderle completamente, per sorprenderlo senza deluderlo", andando a letto a orari improbabili e continuando a lavorare senza sosta per rispettare le scadenze.

La parte più dura risulta essere quella della stesura dei disegni preparatori del manga, i primi schizzi che verranno poi rielaborati nelle tavole finale: "Tutti i giorni è la stessa storia, le mie preoccupazioni sul non riuscire a disegnare dei buoni schizzi preparatori mi impediscono costantemente di dormire. Poi divento all'improvviso affamato, cosa che mi impedisce di disegnare. Successivamente arriva il sonno, che me lo impedisce di nuovo."

I documentaristi affermano che spesso Isayama si ritrova steso sul divano, a fissare il vuoto, quasi in stato di trance, anche per delle ore, in attesa dell'ispirazione ed evadendo al contempo dalla realtà. Giurano inoltre di averlo visto sorridere una singola volta in tutto l'arco delle riprese, ed è stato quando si è concesso un momento di svago per videogiocare a Splatoon.

Quando gli viene chiesto se ci sia qualche storia che intende disegnare e raccontare dopo la conclusione de L'Attacco dei Giganti, Isayama risponde che "sì, ma non so se sarei in grado di disegnarla. Anzi, è fortemente probabile che io non lo sia. Mi domando spesso se ci sia in me la forza per continuare".

Insomma, sembra che il finale della sua prima opera sarà tanto difficoltosa quanto per i personaggi che ne vivranno le vicende per il nostro autore, sperando che questo non lo freni dal dare al suo comunque vastissimo pubblico una nuova serie dello stesso calibro del suo strabiliante esordio. Dopo un po' di meritato riposo, ovviamente.

Quanto è interessante?
3

Le migliori offerte per i tuoi Regali di Natale 2018: videogiochi, console, hi-tech, smartphone, PC Gaming, TV 4K e tanto altri altri prodotti a prezzo scontato su Amazon, per un Natale da sogno a piccoli prezzi.