La lavorazione del nuovo film di Hayao Miyazaki non ha scadenze da rispettare

La lavorazione del nuovo film di Hayao Miyazaki non ha scadenze da rispettare
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Attraverso le parole rilasciate da uno dei produttori dello Stduio Ghibli veniamo a conoscenza del fatto che la lavorazione del nuovo film di Hayao Miyazaki non dovrà rispettare nessuna scadenza produttiva, lasciando il maestro nella più completa libertà e tranquillità creativa. Scopriamo tutti i dettagli.

Nelle scorse ore è trapelato online un saggio che Toshio Suzuki, uno dei maggiori produttori facenti parte del celeberrimo Studio Ghibli, ha scritto per il numero di aprile del magazine letterario giapponese Bungei Shunju. In questo testo Suzuki si è soffermato sul lavoro dell'uomo di punta dello studio d'animazione in questione, e cioè il sensei Hayao Miyazaki. In particolare il discorso è caduto sulla lavorazione del nuovo film animato del maestro, intitolato Kimi-tachi wa Do Ikiru ka (How Do You Live?), che sta seguendo un percorso fino ad ora inedito.

Il produttore afferma che:

"Con la produzione di questa nuova pellicola stiamo sperimentando con il fatto di non avere delle scadenze stabilite da rispettare. Sono davvero curioso di sapere come questo influenzerà il lavoro una volta finito."

Suzuki prosegue chiarendo infatti che lo Studio Ghibli normalmente lavora con dei precisi e rigidi termini produttivi a cui attenersi, e inizialmente lo stesso Miyazaki pensava sarebbe stato ancora una volta così. Ma al momento il lungometraggio ha abbandonato quell'idea, e sta procedendo lasciando al genio creativo del regista la massima libertà e tranquillità di espressione, una cosa che qualsiasi appassionato non può che ritenere assolutamente positiva.

Il discorso vira poi sulla personalità di Hayao Miyazaki, secondo Suzuki totalmente disinteressato al denaro e completamente impossibilitato a ritirarsi davvero (come del resto il suo passato prova ampiamente), visto che, a suo dire, la vita da pensionato che svolge una vita regolare lo annoierebbe terribilmente. Dato che si sente maggiormente a casa nello studio mentre lavora, Suzuki si esprime così su chi vorrebbe questo film come il suo canto del cigno:

"Io non lo credo affatto. Credo che finché sarà in vita, Hayao Miyazaki non smetterà mai di fare film."

Ricordiamo che, stando alle affermazioni del produttore, il nuovo film del sensei (ispirato ad un classico della letteratura nipponica scritto da Genzaburo Yoshino nel 1937) era nel 2018 a tre o quattro anni dalla sua data di uscita, cosa che ci lascia come minimo ancora due o tre anni di attesa prima di assistere a quello che speriamo sarà il suo ennesimo capolavoro.

Che ne pensate? Siete contenti che il nuovo lungometraggio di Hayao Miyazaki sia esente da qualsiasi forma di fretta derivante da scadenze e termini produttivi?

FONTE: ANN
Quanto è interessante?
6