Maelstrom, una storia di formazione

di
INFORMAZIONI SCHEDA

La casa editrice Planeta DeAgostini ritorna ad aggiornare il suo sito con due parole su Maelstrom, considerata una storia di formazione di Jimmy Palmiotti e Justin Gray su Superman. In questo volume vedremo il personaggio di Kara.

Una lezione di vita

"Il vapore o il gas non possono essere utilizzati senza una macchina che lo permetta. Nessun fiume al mondo viene mai trasformato in luce ed energia se non è incanalato. Nessuna vita cresce mai finché non è focalizzata, impegnata, disciplinata."

Queste parole, pronunciate più di cinquant'anni fa dal pastore battista Harry Emerson Fosdick, rappresentano abbastanza fedelmente l'idea dietro al volume che tenete fra le mani. La storia narra l'avventura vissuta da Kal-El e Kara, del loro tentativo di sopravvivere in un ambiente feroce privati dei loro poteri e dello scontro tra Supergirl e una pericolosa aspirante concubina di Darkseid. Ma, più di ogni altra cosa, questa è una storia sull'apprendimento, sulla disciplina e sulla differenza di prospettive. In questo particolare viaggio di formazione, Superman diventa il mentore della cugina per insegnarle che non sono i poteri a renderli eroi.

In ogni storia che si rispetti, laddove c'è un eroe c'è anche un criminale. Nel nostro caso, si tratta di Maelstrom, una potente schiava guerriera di Apokolips ossessionata da un unico pensiero: diventare la sposa del suo signore, Darkseid. Per riuscire a conquistare il sovrano di Apokolips, Maelstrom cercherà di portare in dono al suo signore nientemeno che la testa di Superman. Sarà però Supergirl ad affrontare in battaglia Maelstrom quando questa arriverà a Metropolis. Kara proverà sulla sua pelle tutta la forza bruta di questa figlia di Apokolips (non a caso, Maelstrom è il nome di un terribile mulinello e, in norvegese, significa "tormenta tritatutto"). Al termine di questo combattimento ad armi impari, Superman deciderà che è giunto il momento di approfondire l'addestramento di Kara. I due si recheranno su un pianeta ostile, mentre Maelstrom si preparerà per un secondo e definitivo assalto nel quale vedremo in azione anche le pericolose Furie Femminili.

La storia è firmata da Jimmy Palmiotti e Justin Gray, due sceneggiatori che hanno collaborato anche su
Countdown a Crisi Finale e che attualmente firmano le avventure del più famoso cowboy della DC Comics, Jonah Hex (su Pulp DC: Jonah Hex). Palmiotti e Gray sono inoltre gli autori della serie di Power Girl disegnata da Amanda Conner, moglie di Palmiotti. La coppia è qui affiancata dalle matite di Phil Noto, un artista dal tratto inconfondibile (osservate i suoi giochi di luci e ombre e l'uso del colore, soprattutto quando ritrae i paesaggi extraterrestri dove si addestrano Kara e Kal).

Abbiamo aperto con una citazione di un pastore battista e sempre con una citazione vorremmo concludere, lasciandovi alla lettura di questa che sembra proprio una storia di formazione. Stavolta, riportiamo le parole di un ingegnere automobilistico, Lee Iacocca, che ben si adattano al viaggio compiuto da Kara in questa saga: "Ho imparato che un rapporto intenso con la propria famiglia racchiude una grande forza. Ho imparato a guardare avanti, anche nei momenti peggiori. Ho imparato a non disperarmi, anche quando il mondo mi stava crollando addosso. Ho imparato che non esistono pasti gratis. E ho imparato il valore di lavorare sodo".

Maelstrom, una storia di formazione