Marvel, addio a Conan il Barbaro: la licenza non è stata rinnovata

Marvel, addio a Conan il Barbaro: la licenza non è stata rinnovata
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Nonostante i diritti di Conan il Barbaro fossero tornati in casa Marvel solo nel 2019, l'eroe cimmero si appresta ad abbandonare l'Universo della Casa delle Idee: Marvel ha infatti annunciato di non essere riuscita a raggiungere un accordo con Heroic Signatures, la società in possesso della proprietà intellettuale del personaggio.

Creato dallo scrittore Robert Ervin Howard nel 1932, Conan il Barbaro è stato protagonista di numerosi racconti che l'hanno reso uno degli eroi più popolari dell'epoca. Negli anni '80 è stato interpretato da Arnold Schwarzenegger in tre film in live action, a cui è seguito, nel 2011, un reboot con protagonista Jason Momoa (qui la nostra recensione di Conan the Barbarian).

Tra gli anni '70 e gli anni '90, Marvel Comics si è occupata della pubblicazione dei fumetti del personaggio, tornando in possesso della licenza nel 2019 dopo circa 10 anni di gestione Dark Horse. Con i diritti nuovamente in mano a Heroic Signatures, sembra che le intenzioni della società siano quelle di pubblicare le avventure a fumetti di Conan in prima persona.

"Abbiamo realizzato una run meravigliosa con Marvel Comics, ma alla fine abbiamo deciso di non estendere la loro licenza oltre la fine di quest'anno", ha dichiarato Fred Malmberg, CEO di Heroic Signatures, ai microfoni di ComicBook. "Conan ha una storia editoriale composta da oltre 50 anni di pubblicazioni a fumetti. Abbiamo deciso di assumerci l'incarico in prima persona, non solo per Conan ma per tutti gli altri personaggi e IP che controlliamo. Il programma di pubblicazione avrà inizio il prossimo anno, ma i dettagli non sono ancora stati definiti".

Conan il Barbaro era già stato scelto da Marvel come protagonista della nuova serie dei Savage Avengers, le cui pubblicazioni avranno inizio questa settimana negli Stati Uniti. Considerati gli ultimi eventi, appare evidente che Marvel dovrà cambiare i suoi piani, trovando un modo per eliminare il personaggio dalla testata entro la fine dell'anno.