My Hero Academia si aggiudica gli Harvey Awards 2019

My Hero Academia si aggiudica gli Harvey Awards 2019
di

Ebbene sì, My Hero Academia, manga di Kohei Horikoshi, si aggiudica al New York Comic Con di venerdì il premio ‘Best Manga’ agli Harvey Awards 2019, competizione che onora il fumetto e l’arte sequenziale.

L’opera di Kohei Horikoshi ha gareggiato contro Frankenstein: Junji Ito Story Collection di Junji Ito, Mob Psycho 100 di ONE, Our Dreams At Dusk: Shimanami Tasogare di Yuhki Kamatani, Smashed di Junji Ito e Witch Hat Atelier di Kamome Shirahama, primeggiando infine come miglior manga dell’anno.

Il premio ‘Best Manga’ è stato aggiunto agli Harvey Awards solamente lo scorso anno, vinto in quell'occasione da Kabi Nagata con il manga La mia prima volta, opera di cui potete leggere nella nostra Recensione di My first experience with loneliness.

Gli anni passati, i manga venivano nominati insieme ad altri fumetti nella categoria ‘Best American Edition of Foreign Material’. L’ultimo a vincerne il premio è stato nel 2014 L’Attacco dei giganti di Hajime Isayama, mentre nel 2016 One-Punch Man e Showa: A History of Japan, sono soltanto stati nominati, senza riuscire a vincere. Oggi, invece, la "Best American Edition of Foreign Material" non è più una categoria.

Infine, sempre quest’anno, anche un'altra opera, sicuramente conosciuta da molti, ha rivestito un ruolo da protagonista. Stiamo parlando di Radiant, il fumetto dell’autore francese Tony Valente, del quale quest'estate è anche uscito un trailer (potete guardarlo nella nostra notizia dedicata al trailer di Radiant Stagione 2). Nominato nella categoria ‘Best European Book’ si è visto il premio sfuggirgli di mano, vinto da Waves, libro scritto da Ingrid Chabbert e Carole Maurel.

Gli Harvey Awards, rispetto agli altri premi nordamericani nel settore fumettistico, sono nominati e giudicati dagli stessi professionisti del settore.

FONTE: ANN
Quanto è interessante?
3