Naruto, 5 scene dalla violenza inaudita: le ricordate tutte?

Naruto, 5 scene dalla violenza inaudita: le ricordate tutte?
di

A volte anche gli shonen si prendono qualche libertà dal punto di vista della violenza, spingendo molto sull'acceleratore. Naruto non è stato da meno, perciò abbiamo scelto cinque momenti davvero tosti dal punto di vista della violenza nel corso del manga.

Partiamo con un momento nel passato di Naruto, cioè la morte di Minato e Kushina, trapassati dall'artiglio della Volpe a Nove Code mentre cercavano di proteggere loro figlio. Tra sangue e lacrime è uno degli istanti più violenti del manga.

E Gaara che uccide i genin del Villaggio della Pioggia? Violenza davvero gratuita da parte del ninja che durante l'esame di selezione dei chunin usa il Funerale del deserto su di loro facendoli praticamente implodere con la sabbia, una delle tecniche più letali di tutto Naruto.

Abbiamo anche Kakashi che non si fa problemi a trapassare Haku con il suo Mille falchi, dimostrando fin dagli inizi quanto sia un ninja temibile e pronto a tutto pur di concludere la sua missione.

C'è poi Kisame che si fa divorare dagli squali che lui stesso ha evocato, così da impedire alla Foglia di interrogarlo e magari carpire informazioni. Un modo bello violento per andarsene. Peccato che sia tra gli avversari che Kakashi non ha mai affrontato in Naruto.

Chiudiamo con un momento non fatale ma che ci aveva fatto comunque venire i brividi: Sasuke che spezza il braccio a Zaku. Non ci aspettavamo così tanta cattiveria da lui e quell'istante è rimasto davvero impresso nei fan di Naruto.

E per voi quali sono i momenti più violenti del manga? Diteci la vostra nei commenti!

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi