Naruto: analizziamo le tecniche oculari usate nel manga

Naruto: analizziamo le tecniche oculari usate nel manga
di

Nel manga Naruto diversi personaggi mostrano di possedere abilità innate utilizzabili attraverso gli occhi, in particolare se ne riconoscono 3: Byakugan, Sharingan e Rinnegan. Andiamo a conoscerle meglio.

Byakugan. È l'abilità innata del clan Hyuga e si presenta fin dalla nascita, anche se per poterla utilizzare è necessario un intenso addestramento. L'abilità è stata tramandata alla famiglia in quanto diretti discendenti del clan Otsutsuki. Il Byakugan, quando attivato, permette una visuale di 360 gradi intorno all'utilizzatore, con l'esclusione di un piccolo punto dietro il collo, inoltre dona la capacita di vedere a lunghe distanze ed attraverso gli oggetti, ma soprattutto permette l'individuazione del sistema di circolazione del chakra all'interno di un corpo umano, cosa che viene sfruttata dal particolare stile di combattimento del clan Hyuga. Il Byakugan permette anche di vedere attraverso le arti illusorie, ma senza fornire un modo per difendersi da esse. Tramite una tecnica chiamata Jukenkotai, inoltre, alcuni utilizzatori di quest'abilità oculare ottengono capacita di teletrasporto ed intangibilità che insieme alla vasta visuale dell'occhio rendono questa capacità particolarmente efficace.

Sharingan. Quest'abilità discende direttamente dal Rinne Sharingan di Kaguya Otsutsuki, ma appare per la prima volta negli occhi di Indra Otsutsuki che la tramanderà in seguito nel clan Uchiha. A differenza del Byakugan, lo Sharingan si manifesta in un ristretto numero di membri del clan a seguito di forti emozioni provate dal suo portatore le quali causano il rilascio di uno speciale tipo di chakra nel nervo ottico. Le principali capacità conferite da quest'arte oculare sono il miglioramento della visione cinetica e la possibilità di analizzare e copiare movimenti e tecniche dell'avversario. Successivamente ad potente trauma, l'utilizzatore può risvegliare un nuovo stadio dell'abilità chiamata Mangekyou Sharingan che offre l'utilizzo di numerose nuove tecniche variabili da persona a persona, come le fiamme nere di Amaterasu o la gigantesca proiezione di chakra Susanoo.

Rinnegan. Tramite il chakra di Hagoromo Otsutsuki, un portatore di Sharingan può poi sviluppare il Rinnegan. Quest'abilità mantiene tutte le capacità conferite dallo Sharingan e la possibilità di aprire portali verso altre dimensioni ed inoltre dona le più svariate tecniche a seconda dell'utilizzatore come la possibilità di viaggiare nel passato di qualche secondo. Inoltre questo potere conferisce l'accesso alla Tecnica delle Sei Vie con la quale si è in grado di utilizzare forze attrattive e repulsive, aumentare la potenza del proprio corpo grazie a macchinari, rubare l'anima dell'avversario, utilizzare evocazioni multiple, assorbire chakra ed evocare i re dell'inferno.

Queste tre potenti arti oculari hanno portato la morte a numerosi ninja del mondo di Naruto poiché ognuna di loro dona infinite possibilità: il Byakugan offre il massimo nelle abilità sensoriali e di percezione, lo Sharingan ed in seguito il Rinnegan con le sua capacità di manipolazione spazio-temporale e la Tecnica delle Sei Vie dona capacità che possono influenzare il mondo intero rendendo quest'ultima probabilmente la più forte delle 3 arti.

Per finire vi lascio un nostro approfondimento sul protagonista di Naruto e la rivelazione di Kishimoto di essersi pentito dell'introduzione di una tecnica in Naruto.

Quanto è interessante?
1