Naruto: Kishimoto rivela in un'intervista di essersi pentito di una tecnica

Naruto: Kishimoto rivela in un'intervista di essersi pentito di una tecnica
di

Naruto è una serie storica che ancora oggi viene letta e vista da un folto gruppo di persone. Masashi Kishimoto ha prodotto dal 1999 al 2014 un manga destinato a rimanere nella storia e che ha ottimi spunti, nonostante alcuni difetti che inficiano soprattutto nella parte finale. Ma ci sono anche alcune cose che l'autore avrebbe voluto cambiare.

Dopo aver ringraziato i fan occidentali per il sostegno a Naruto, cosa che lo sorprese, il mangaka in una vecchia intervista a Kobayashi si è fatto sfuggire un parere sulla Tecnica della Moltiplicazione del Corpo, in giapponese conosciuta come Kagebunshin no Jutsu. Col suo esordio nel primo capitolo di Naruto, l'intervistatore chiese a Kishimoto se non avesse sbagliato ad inserire una tecnica così forte già in partenza.

E Kishimoto ha risposto "Esatto. Naruto è diventato forte in fretta. Quando è migliorato ha poi aumentato il numero di cloni. A quel punto ho pensato 'Ora ho davvero esagerato!'". I problemi non erano solo sul fronte logistico dei combattimenti, ma anche su quello artistico, dato che Kishimoto doveva disegnare centinaia di versioni di Naruto in un'epoca dove il digitale non esisteva ancora e quindi non poteva velocizzarsi più di tanto il lavoro.

Tuttavia questo manga resterà immortale nonostante certe scelte, come dimostrato dal sondaggio dei lettori che giudicano Naruto una serie che cambia la vita.

FONTE: ComicBook
Quanto è interessante?
6