One Piece: gli Ammiragli hanno perso qualsiasi influenza politica nel Nuovo Mondo?

One Piece: gli Ammiragli hanno perso qualsiasi influenza politica nel Nuovo Mondo?
di

Da quando One Piece ha iniziato a focalizzare l'attenzione su Saturn, e per estensione sulle attività del Governo Mondiale, una delle conseguenze a cui è andata incontro la storia è stata la progressiva marginalizzazione degli Ammiragli, condannati ormai ad esercitare un'influenza politica sempre meno centrale negli orizzonti del Nuovo Mondo.

Se pensiamo agli intrecci di Egghead, a partire dalle macchinazioni che hanno portato Orso a privarsi progressivamente delle proprie facoltà di giudizio, alle rivelazioni sul destino tragico di Bonney fino all'escalation del conflitto sull'isola, dietro ogni soluzione c'è la mano del Governo Mondiale, e di colui che nel corso della saga ne ha riflettuto l'immagine: ovvero Saturn. E per quanto il ruolo giocato dai Cinque Astri di Saggezza in One Piece ponga gli esponenti dei Gorosei al vertice - dietro il solo Im – della catena di comando legislativo del mondo, a cui gli stessi Ammiragli devono, a ragion di logica, sottostare, è pur vero che le cariche più alte della Marina hanno sempre goduto di una loro autonomia d'azione, al punto che a lungo hanno rappresentato la voce stessa della Giustizia, ponendosi quale bastione unico che separava il mondo “civilizzato” dalle influenze criminali della pirateria.

Basti pensare, in questo senso, alla presentazione di Kuzan subito dopo la saga di Skypiea o all'approdo dello stesso Kizaru sull'arcipelago Sabaody: due eventi, che analizzati singolarmente, hanno decretato non solo la materializzazione di una minaccia enorme ed apparentemente incontrastabile agli occhi dei Mugiwara, ma hanno mostrato quanto la loro presenza giocasse un ruolo cardine nella costituzione (o nella sorveglianza) dei grandi fenomeni del mondo. Eppure nel momento stesso in cui Eiichiro Oda ha puntato i riflettori sulle azioni degli Astri, e sull'autarchico sistema di potere su cui i Gorosei (insieme ad Im) hanno fondato lo status quo corrente, ecco che le cariche più alte della Marina hanno perso progressivamente di spessore, al punto da non risultare così centrali nell'andamento dei grandi eventi della narrazione.

Inoltre se pensiamo a tutti i segreti del mondo di One Piece celati dal Governo Mondiale, e a cosa essi qui suggeriscono (e soprattutto a ciò che la loro eventuale rivelazione potrà comportare per la prosecuzione degli eventi del manga) è chiaro che il destino dei Mugiwara, e per estensione della pirateria tout court, passi ora per il necessario superamento dei Gorosei, gli unici in grado di generare delle conseguenze drastiche sui fenomeni in cui intervengono di persona, mentre ai marine rimane il compito di meri elementi ausiliari, quasi fossero strumenti (comunque formidabili) nelle mani di figure inarrivabili sia dal punto di vista politico che simbolico.

Si pensi, ad esempio, al ruolo esercitato da Kizaru su Egghead. Per quanto il marine, alla pari dei restanti Ammiragli, rientri tra i personaggi che possono attivare in One Piece il Buster Call, non solo qui non ha avuto alcuna voce in capitolo nei piani bellici che hanno portato all'assedio militare dell'isola, ma appare, a tutti gli effetti, come un subordinato. E in quanto tale non si carica neanche più di quell'animosità che ne ha caratterizzato l'arrivo su Sabaody, proprio perché la minaccia per i Mugiwara, e per le sorti del mondo, deriva adesso solo ed esclusivamente dalle azioni dell'Astro. Tanto che il supposto “incidente” su cui dovrebbe terminare la saga di Egghead, e che darà così vita a quelle conseguenze che porteranno il mondo di One Piece a mutare le logiche stesse su cui si fonda, è da individuare nell'eventuale sconfitta (o uccisione) di Saturn. E non in quella dell'Ammiraglio.

Il discorso, però, cambia nel momento in cui consideriamo in questa equazione la figura di Akainu, specialmente nel caso in cui il Grandammiraglio rientri tra i personaggi di One Piece che potrebbero aver già risvegliato il Frutto. Solo a partire da lui, dunque, la Marina potrebbe ritornare ad acquisire una centralità nelle relazioni di potere del Nuovo Mondo, anche perché un Ammiraglio come Ryokugyu è apparso completamente indifeso (sfiorando, addirittura, la ridicolizzazione) davanti a Shanks, a testimonianza di quanto le cariche più alte tra i marine siano ormai percepite alla stregua di mere seccature da parte degli Imperatori: di cui solo i Gorosei, e in particolare Im, rappresentano adesso il contraltare naturale.