ONE PIECE: la volta in cui Eiichiro Oda chiese di lavorare allo studio di Takehiko Inoue

ONE PIECE: la volta in cui Eiichiro Oda chiese di lavorare allo studio di Takehiko Inoue
di

Considerate due opere senza tempo e appartenenti a generi profondamente diversi, sia ONE PIECE che Slam Dunk rientrano di diritto nell'Olimpo delle serie più amate e seguite in ambito manga ed anime, e ciò è dovuto all'incredibili lavoro fatto dai due maestri Eiichiro Oda e Takehiko Inoue.

Mentre Slam Dunk è riuscita a coinvolgere, per 276 capitoli, milioni di lettori e a farli appassionare al basket con uno stile unico e una narrazione divertente e profonda, l'epopea piratesca di ONE PIECE continua ad espandersi con le avventure di Luffy e compagni, ed è sempre più vicina all'impressionante traguardo del 1000esimo capitolo. Ricordando la sua carriera all'inizio degli anni '90, Oda ha rivelato di aver chiesto di essere assunto come assistente nello studio dell'allora già affermato Inoue, evento che avrebbe senza dubbio segnato il suo futuro, allontanandolo forse dalla produzione di una sua opera.

Mentre parlava con Inoue, Oda stesso ha detto: "Chiesi al mio editor di farmi entrare come assistente nel tuo studio. Mi ha semplicemente risposto che non c'erano posti disponibili. Questa cosa mi deluse molto. Se fossi entrato nel tuo studio, probabilmente sarebbe stato tutto diverso. Per numerosi motivi, è stato un punto di svolta per me."

Sicuramente se la richiesta fosse stata accolta oggi ONE PIECE non sarebbe la serie che conosciamo, e gli appassionati sarebbero rimasti senza un'opera così determinante da essere considerata uno dei simboli dell'intera industria manga e anime. Ricordiamo che è stata realizzata una magnifica statua da collezione di Luffy, e vi lasciamo ai dettagli riguardanti il capitolo 994.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
4