ONE PIECE lo guardano solo i ragazzi? No, e la conferma arriva da dati ufficiali!

ONE PIECE lo guardano solo i ragazzi? No, e la conferma arriva da dati ufficiali!
di

Il genere shonen, nonostante di per sé si rivolga a un pubblico strettamente più giovane, non significa che non sia adatto a un pubblico più maturo. ONE PIECE, infatti, si erge proprio a difensore di questa diversificazione grazie ai temi delicati che Eichiro Oda tratta nella narrazione del suo capolavoro.

Oda non si accontenta di tematiche scottanti come la morte, ma di elementi talmente sottili da far domandare al proprio pubblico se effettivamente ONE PIECE sia etichettato nella giusta rivista. Ma onde evitare di scendere in questioni più grandi, sappiate che l'opera piratesca di Jump è popolare tra tutti i tipi di pubblico in maniera abbastanza equilibrata.

Grazie a Gz Brain Marketing Section, infatti, sappiamo com'è stata suddivisa l'audience della serie composta da oltre 6.2 milioni di spettatori in Giappone solo nel 2017. A parte la distribuzione tra il genere maschile e femminile, rispettivamente al 63% e 37% del totale, l'età media è strettamente equilibrata. Dal grafico in calce alla notizia, è evidenziabile come il pubblico che segue l'adattamento animato sia così distribuito:

  • Da 5 a 9 anni, la percentuale si assesta all'8%;
  • Da 10 a 19 anni, invece, la percentuale si triplica al 22%;
  • Tra i 20 e i 29 anni, la media è intorno al 17%;
  • Cresce il pubblico nell'età più adulta, sia tra i 30 e i 39 che tra i 40 e i 49 anni, rispettivamente al 18% e al 19%;
  • Cala sensibilmente, infine, tra i 50 e i 59 e i 60 e i 69 anni, la percentuale assestata sul 12 e il 4%;

E voi, invece, cosa ne pensate dei dati in questione? Diteci la vostra, come sempre, nello spazio riservato ai commenti, ma non prima di aver ammirato la preview della cover del volume 95 di ONE PIECE.

Quanto è interessante?
3