ONE PIECE: il manga doveva finire 10 anni dopo il suo inizio, parole di Eiichiro Oda

ONE PIECE: il manga doveva finire 10 anni dopo il suo inizio, parole di Eiichiro Oda
di

Capita molto spesso che un autore debba rivedere i propri piani nel pieno della serializzazione, che sia per motivi di popolarità o per esigenze narrative che richiedono più spazio e tempo. A quanto pare, anche Eiichiro Oda ha dovuto cambiare idea in corso d'opera durante la stesura di ONE PIECE.

Mentre in rete sono trapelati i primi spoiler del capitolo 1002 di ONE PIECE, iniziano anche ad emergere i primi contenuti dell'intervista tra Oda e Watsuki, noto artista di Kenshin-Samurai Vagabondo, pubblicata in Giappone qualche giorno fa. Il papà dell'epopea piratesca di casa Weekly Shonen Jump avrebbe rivelato alcuni dettagli sui piani originali dell'opera che sarebbe dovuta terminare diverso tempo fa.

Oggi sappiamo che al manga mancano all'incirca 5 anni di serializzazione per raggiungere il finale, tuttavia, prima che iniziasse la pubblicazione dell'opera, Eichiro Oda aveva programmato di concludere ONE PIECE dopo 10 anni dall'uscita del capitolo 1. Cosa che, invece, non è avvenuta in quanto l'opera continua la sua avventura su Jump da più di 23 anni, ben più del doppio dei suoi piani originari. Come se ciò non bastasse, non è nemmeno da escludere che il sensei non riesca a raggiungere la conclusione del suo capolavoro nel tempo previsto anche questa volta data la grande mole di sottotrame a cui l'autore deve ancora una risposta.

E voi, invece, cosa ne pensate delle sue parole? Diteci la vostra opinione a riguardo, come di consueto, con un commento nell'apposito riquadro riservato in fondo alla pagina.

Quanto è interessante?
5