ONE PIECE: Oda ci spiega in che modo realizza le forme femminili?

ONE PIECE: Oda ci spiega in che modo realizza le forme femminili?
di

L'epopea di ONE PIECE è iniziata nel lontano 1997, periodo nel quale Luffy era considerato soltanto un ragazzo di gomma sognatore e la sua ciurma una combricola non troppo affidabile. Ma ora, a distanza di più di vent'anni, un cruciale quesito è stato finalmente svelato, con Oda che ha rivelato in che modo disegna le forme femminili.

Nel corso di una recente intervista, un fan ha difatti posto al maestro l'importante quesito, ovviamente a riguardo della realizzazione delle fattezze femminili, sempre particolarmente abbondanti dopo il time-skip. Ebbene, chiara e coincisa è stata la risposta del mangaka:

"Le proporzioni femminili sono tre cerchi e una X. Per favore pensa e disegna in questo modo."

In questo modo si vanno ad originare le forme ormai tipiche della serie, caratterizzate da fianchi sottilissimi che, in realizzazioni ardite, contrastano con forza con gli abbondanti seni. Continuando nella sua argomentazione, il maestro ha poi avvertito gli eventuali disegnatori che, nel caso riproponessero queste fattezze in quantità, sarebbe inevitabile ricevere lettere di critica dalle lettrici femminili; anche "giustamente", ha poi aggiunto.

Questa non è certamente la prima domanda a cui Oda ha risposto sul tema. Risalente a marzo quella della riduzione dei seni di Nami e Robin nel corso dell'Arco di Wano, dovuta alla fattura dei kimono tradizionali che difficilmente si sarebbe potuta armonizzare alle normali misure. Ricordiamo infine al lettore che, in occasione della prossima uscita della nuova saga orientaleggiante anche nella controparte animata, un'intervista di Tatsuia Nagamine, il regista della serie, è stata rilasciata.

E voi, cosa ne pensate di questa risposta? Fatecelo sapere nei commenti!

Quanto è interessante?
3