ONE PIECE: la Toei Animation dovrebbe dividere l'anime in stagioni?

di

L'anime di ONE PIECE prosegue la sua trasmissione ormai da quasi un ventennio senza sosta, proponendo un episodio ogni domenica sui network giapponesi. Alcuni fan, tuttavia, iniziano a essere sofferenti nei confronti di un presunto calo produttivo, asserendo che la decisione migliore sarebbe di dividere l'adattamento in stagioni.

La questione è stata posta sul forum ufficiale di ONE PIECE presente su Reddit: un fan ha posto il quesito alla community, affermando che la Toei Animation dovrebbe far fronte al calo qualitativo del comparto visivo dell'anime fermando il flusso continuo della produzione e dividendo l'adattamento in stagioni o parti.

Nel primo caso, e cioè la divisione in stagioni differenti, l'adattamento animato del manga di Eiichiro Oda potrebbe percorrere una strada simile a quella di serie come My Hero Academia, One-Punch Man o L'Attacco dei Giganti. Nel secondo caso, dividendo la produzione in parti senza per forza dover operare la partizione in stagioni predefinite, si potrebbe seguire le orme dell'operato di A-1 Pictures con Fairy Tail.

A giovarne sarebbe chiaramente la qualità dei disegni e delle animazioni di ONE PIECE, poiché la Toei smetterebbe di assumere staff diversi a seconda dei pacchetti degli episodi (d'altronde la realizzazione di un singolo episodio può richiedere anche mesi di lavoro) e il valore produttivo risulterebbe enormemente superiore. Sull'altro piatto della bilancia, tuttavia, graverebbe un eccessiva dilatazione dei tempi di un prodotto che, già di per sé, opera una narrazione estremamente lenta.

Resta in ogni caso estremamente difficile che la Toei Animation cambi le sue modalità di serializzazione di una serie così importante e tutto ciò resta nel campo della pura speculazione. Voi cosa ne pensate?

Quanto è interessante?
5

Abbiamo provato il nuovo gioco Western di Rockstar RED DEAD REDEMPTION 2. Scopri le novità nella nostra Anteprima.