ONE PIECE: la saga di Wano non comincerà prima di un anno o due!

di
Se c’è un manga che i fan temono non raggiunga mai la conclusione, quello è sicuramente ONE PIECE, il capolavoro shonen del sensei Eiichiro Oda, che già da qualche anno ha svelato di aver deciso come concludere il viaggio di Luffy e gli altri pirati della ciurma di Cappello di Paglia.

Sfortunatamente la meta sembra allontanarsi di anno in anno, in quanto le affermazioni dello stesso Oda finiscono spesso per rivelarsi inesatte. Lo scorso anno, ad esempio, il mangaka rivelò di come la sua opera fosse ormai completa al 65%, mentre qualche tempo prima aveva parlato di un ipotetico 70%. È probabile dunque che il viaggio di Luffy, durante la rotta tracciata originariamente dal sensei, abbia spesso preso deviazioni non previste...

Non a caso, lo staff di Jump e lo stesso Oda avevano affermato lo scorso dicembre che l’arco narrativo in corso, Whole Cake Island, fosse già completo al 50%, mentre invece, a distanza di quasi un anno, il finale della saga ci appare ancora incerto. Come se non bastasse, in quelle medesima finestra temporale era stato rivelato che già nel 2017 avremmo potuto assistere all’inizio dell’attesissima saga di Wa (o Wano Kuni, se preferite), la patria dei samurai… Una terra di cui oggi, a metà novembre, non sappiamo ancora nulla.

Durante una recente intervista, è emerso infatti che proprio questa saga, che secondo le voci dovrebbe essere un arco narrativo importante e lungo tanto quanto quello di Marineford (se non di più), non inizierà prima di un anno o due. È stato lo stesso Oda a rivelare che l’inizio del suddetto arco narrativo richiederà ancora un po’ tempo, anticipando che durante la stessa svelerà un episodio inedito su Ace - forse un flashback ambientato nel passato del compianto e indimenticabile fratello di Luffy.

Oda ha inoltre colto quest’opportunità per ribadire ancora una volta di aver chiaro in mente il finale della serie, e di averlo stabilito prima ancora di cominciare a disegnare l’opera. Secondo voi il sensei riuscirà a dare un degno finale al fumetto che l'ha reso celebre in tutto il globo o continuerà a imboccare sempre più deviazioni?