ONE PIECE: scompare a 77 anni il doppiatore di Edward "Barbabianca" Newgate

ONE PIECE: scompare a 77 anni il doppiatore di Edward 'Barbabianca' Newgate
di

La terribile notizia è stata diffusa nelle scorse ore ed ha colpito duramente sia i fan di ONE PIECE che il mondo dell'animazione in generale: Kinryuu Arimoto è scomparso lo scorso primo febbraio all'età di settantasette anni. Il doppiatore era noto per molti ruoli, ma principalmente per quello di Edward Newgate, meglio noto come Barbabianca.

Ci sono persone che entrano nel cuore degli appassionati anche solo per un breve contributo dato all'opera che li appassiona, si tratti di un attore per un cameo o, come in questo caso, di un doppiatore per la voce prestata ad un personaggio di una serie animata. Il legame affettivo che si instaura tra quella voce e i fan infatti è spesso molto forte, e stabilisce una connessione basata sulla riconoscenza e sulla stima nei confronti di quel determinato artista.

Kinryuu Arimoto è sicuramente stato tra coloro che sono riusciti a stabilire un simile collegamento, e questo grazie allo straordinario talento che aveva nel dare vita a personaggi che poi si sono imposti nell'iconografia dell'industria in questione. Per questo la tragica notizia della sua scomparsa, avvenuta lo scorso primo febbraio a causa di una lunga battaglia contro il cancro all'esofago, all'età di settantasette anni, ha colpito così nel profondo i suoi ammiratori.

Il suo successo è senza ombra di dubbio legato maggiormente al personaggio di Edward Newgate, meglio conosciuto come Barbabianca, creato da Eiichiro Oda all'interno del suo capolavoro ONE PIECE. Chi, tra coloro che hanno guardato la trasposizione animata dell'opera in lingua originale, non ricorda con gioia la sua risata tipica? O chi tra i fan non ha versato qualche lacrima in seguito alla sua interpretazione della morte del vecchio imperatore in nome della nuova era a Marineford?

Il suo nome tuttavia è legato a numerosi altri franchise di successo, tra cui ricordiamo principalmente il recente Psycho-Pass (in cui interpretava Tomomi Masaoka) e l'apprezzatissimo Fullmetal Alchemist (che lo vedeva nei panni di Priest Cornello), senza dimenticare i contributi offerti a Elfen Lied, Inazuma Eleven, Macross Zero, Mobile Suit Gundam Zero, ecc.

Insomma, non c'è dubbio che si tratti di una tragica perdita per l'industria dell'animazione e per i suoi fan, ma possiamo trovare consolazione nel fatto che Arimoto continuerà a vivere nelle molteplici opere che ha contribuito a rendere grandi con la sua arte.

FONTE: ANN
Quanto è interessante?
4